Il Mirror, People e l’accordo che non c’è mai stato…



- di  - 
( traduzione a cura dello Staff di MJFanSquare )

E’ una cosa divertente. Da quando il processo di alto profilo per la morte di Michael Jackson ha iniziato a prendere una brutta piega per il promoter AEG Live, un sacco di giornali che fanno pubblicità a grande diffusione e redditizia per i suoi eventi sono intenti a infamare Michael Jackson più che mai.
Ad aprire la strada è stato il Mirror nel Regno Unito. Qualche settimana fa e-mail presentate nel processo hanno dimostrato che il capo di AEG Randy Phillips aveva ‘schiaffeggiato’ Michael Jackson perché aveva paura di partecipare a una conferenza stampa. Lo schiaffeggiò e gli urlò ‘così forte che i muri tremavano’.
La rivelazione scioccante è stata ampiamente ignorata dalla stampa. Alcuni giorni dopo che la prova era stata ascoltata in un’udienza pubblica, solo un organo di stampa aveva avuto il coraggio di pubblicare la prova (il NY Post, ndt). La AP non aveva incluso la testimonianza nel suo rapporto quotidiana dall’aula. Il giornalista aveva affermato su Twitter che era fuori dall’aula per mandare delle email quando si è verificata la testimonianza.
E’ stato solo quando i fan hanno iniziato a rumoreggiare sulla ‘copertura’ su siti come Twitter, che altri media a malincuore hanno pubblicati i commenti. Giornali sponsorizzati da AEG come il Mirror però, stranamente hanno cercato di dipingere Michael Jackson come il cattivo. Secondo la prima riga della storia del Mirror, Jackson ‘doveva essere schiaffeggiato’. È interessante notare che il Mirror è stato molto più veloce nel pubblicare una storia l’anno scorso accusando Janet Jackson di aver schiaffeggiato un minore. Una storia che si è rivelata essere una bugia.
Questo fine settimana – giorni dopo che il figlio di Jackson è salito sul banco dei testimoni e ha testimoniato di aver visto Phillips nella sua casa mentre suo padre non c’era che si comportava in modo ‘aggressivo’ verso il medico di Jackson – l’edizione domenicale del Mirror, chiamata People, l’ha fatto di nuovo. Ha pubblicato una storia altamente fuorviante su alcuni ‘file dell’FBI’ che presumibilmente dimostrano che Michael Jackson è stato visto molestare bambini da parte di più dipendenti di Neverland. I ‘files dell’FBI’ dettagliano anche un presunto accordo con un giovane accusatore nel 1992 – prima del caso Jordy Chandler.
In realtà, la storia è una sciocchezza, una raccolta di accuse storpiate e sbagliate che non sono né ‘nuove’, né ‘esclusive’ , nonostante le ripetute affermazioni di People che lo sono. Infatti, i documenti non sono affatto ‘files dell’FBI’. Questa è senza mezzi termini una menzogna. Inoltre le accuse sono state tutte di dominio pubblico per molto tempo, alcune già screditate due decenni fa.
Naturalmente, la maggior parte dei lettori non si disturberanno a controllare la storia. Perché dovrebbero? Il giornale dovrebbe farlo prima di pubblicarla. Purtroppo sembra che neanche altri media se ne preoccupino. Il Daily Mail ha già rimaneggiato la storia, evidentemente senza fare alcun tentativo di indagarne la veridicità prima di farlo.
Potrei entrare in un sacco di dettagli circa le affermazioni fatte da People – e dai vari giornalisti pigri che copieranno e incolleranno la sua storia centinaia, o forse migliaia di volte sul loro sito e nei loro giornali nei prossimi giorni. Ma qual è il punto? Le informazioni sono già di dominio pubblico.
Quelli che odiano Jackson adotteranno il racconto di People come prova per il loro caso. Coloro che sono interessati a sentire entrambi i lati del caso Jackson già sapranno che queste affermazioni sono state smontate da tempo. Nessun altro si prenderà nemmeno la briga di fare ricerche sulla storia. I lettori di People comprano il giornale, perché a loro piace e si fidano. Essi, come previsto, crederanno a questa storia e non la metteranno in dubbio.
In breve, comunque, per la cronaca:
1) I ‘files dell’FBI’ non sono file dell’FBI. Sono trascrizioni di interviste compilate da un giornalista di tabloid che ha pagato le sue fonti – tra cui una che si è rivelata non esistente. Sono state acquisite da un investigatore privato che lavorava per il team di difesa di Jackson. Un decennio più tardi questo investigatore è stato perseguito per intercettazioni illegali. L’FBI ha sequestrato tutti i suoi file, di cui queste interviste tabloid formavano una minuscola parte.
2) Le accuse che Jackson era stato sorpreso da più dipendenti non vengono, come deduce People, da una serie di documenti diversi. Vengono tutte da un documento – una trascrizione di un colloquio con un paio di persone, i LeMarque, che hanno lavorato a Neverland a fine anni ’80 e nei primi anni ’90. People volutamente non afferma che tutte queste accuse non corroborate provengono da uno solo dei documenti, invece fuorvia volutamente i lettori e suggerisce che sono estrapolate da una serie di prove.
I LeMarque non hanno mai contattato la polizia circa l’abuso che hanno affermato di aver visto, optando invece per negoziare accordi con i giornali scandalistici – tra cui il Mirror. Le loro affermazioni sono state indagate dai poliziotti che indagavano su Jackson, che hanno riscontrato che la coppia aveva accettato di aggiungere sempre più dettagli grafici nelle loro interviste per più e più soldi. Gli investigatori hanno concluso negli anni ’90 che la coppia non aveva credibilità e non possedeva alcuna prova di un abuso vero e proprio. Sono stati chiamati per disperazione a testimoniare nel processo contro Jackson nel 2005 dopo che i procuratori avevano visto il loro caso cominciare a disintegrarsi, ma furono distrutti nel controinterrogatorio. I giurati hanno respinto la loro testimonianza e assolto Jackson, all’unanimità.
3) Il supposto ‘accordo’ del 1992 è stato dettagliato a un reporter di un tabloid, per soldi, da una fonte femminile che diceva di lavorare per lo studio legale di Jordan Chandler. Non ha mai mostrato al reporter un documento – lo ha semplicemente ‘letto’ al telefono. Un’indagine della polizia su questa affermazione ha riscontrato che il ragazzo nominato nell’accordo non esisteva, non c’era traccia che alcun accordo fosse mai stato pagato, e la fonte femminile non aveva mai lavorato per lo studio legale e di fatto non esisteva. Non si è più sentito parlare di lei.
Questo lascia uno degli elementi del racconto di People in piedi; che Jackson ‘presumibilmente’ – che parolina comoda – avrebbe pagato 35 milioni di dollari a due dozzine di giovani accusatori. Il giornale non presenta alcuna prova per corroborare tale affermazione. Solo una nota nei documenti del reporter del tabloid, che People travisa volutamente come un ‘file dell’FBI’.
Contrariamente a quanto sostiene People gli investigatori sapevano e hanno studiato questi nastri come parte della loro indagine su Jackson nel 2003/4, in cui sono stati assistiti dall’FBI. Nonostante tutte le loro risorse, né la polizia californiana né l’FBI sono mai stati in grado di individuare alcuna prova che qualsiasi bambino oltre a Jordan Chandler o Jason Francia, sia mai stato oggetto di un accordo transattivo.


Fonti:  http://www.seven-network.it/2013/07/01/il-mirror-people-e-laccordo-che-non-ce-mai-stato/
http://charlesthomsonjournalist.blogspot.co.uk/2013/06/the-mirror-people-and-settlement-that.html

6 commenti:

  1. che ipocriti certi giornali... almeno provassero la sincerità dei loro articoli o pensassero prima ai sentimenti dellla persona che stanno per rovinare, no! Subito inventare frottole che oltre a distrugggere una persona manco son reali e questo per cosa? soldi presi da cinque cretini che credono agli articoli e dopo una letta alla prima pagina acquistano un pezzo di carta pieno di bugie riguardanti ,in questo caso,il nostro michael

    RispondiElimina
  2. hai fatto benissimo Giovanni a postare questo articolo,
    la cosa che dispiace è che rimarrà importante solo per chi come noi cerca di informarsi,come dice l'articolo stesso,mentre per chi semplicemente legge la notizia infamante sul giornale sarà come aver letto la verità!
    Mi domando se non ci fosse stato questo processo in corso,sarebbero uscite ugualmente queste calunnie rispolverate e spacciate per nuove o avrebbero lasciato Michael riposare in pace?

    Ciao Giovanni,una volta avevi chiesto agli utenti se c'erano dei consigli o cose da cambiare nel blog,
    una cosa che mi resta difficile è andare a ricercare un vecchio post fra i tanti argomenti,ad esempio,questo di oggi dove lo vado a ricercare?
    potrebbe essere di aiuto se nel post stesso venisse indicata la sezione della quale fa parte.
    ciao a te e a tutti gli abitanti del blog
    LORE

    RispondiElimina
  3. Grazie Giovanni che metti in evidenza la verita'. Sei un grande. Te ne siamo grate.
    We love you Michael.
    daniela

    RispondiElimina
  4. Sono sgomenta della GRANDE CATTIVERIA UMANA direi UNA MISERIA DEL GENERE UMANO!!!!!!! per L!ENNESIMO PECCAMINOSO TENTATIVO di INFANGARE questo "GRANDE ARTISTA" che DIO ci ha DATO NON RISPETTANO NEPPURE LA SUA "MORTE" - CHE VERGOGNAAAAAAAAA SOLO PER PRENDERE I SUOI SUDATISSIMI "DENARI"- SPERO CHE DIO GLI DIA LA PACE ETERNA DOPO TUTTA LA BENEFICENZA E LA VITA CHE CI HA DEDICATO CON TANTO "A M O R E" - LOVE MIO AMATISSIMO ADORATO MICHAEL - UNA TUA FANNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNNN

    RispondiElimina
  5. Che schifo... certi giornali dovrebbero proprio vergognarsi di scrivere certe scemenze su Michael e poi per cosa?? Per dei maledettissimi soldi!!! Che SCHIFO!!!! Sono davvero disgustata...

    Michael sarai per sempre nel mio cuore, so che in fondo tu sei innocente, lo sei sempre stato! I Love you
    Francy:*

    RispondiElimina
  6. La solita e sempre attuale storia del dio denaro!Io spero sempre nella giustizia divina perchè quella terrena fa acqua da tutte le parti!(è fatta da uomini)!PERCHè SI CONTINUA AD INFANGARLO a ridire le stesse cose vecchie e non veritiere perchè lo si vuole dipingere come il cattivo quando sappiamo benissimo che era una delle persone più buoneche ci sono!perche la bontà deve essere un difetto se è correlata ai soldi.!Perchè non lo lasciano in pace una buona volta!
    God bless you Michael I love you forever
    Grazy

    RispondiElimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.