Michael Jackson ed Elijah




È stato proprio un caso che ho conosciuto Michael Jackson. Era il 1983 e mia moglie, Flora, era incinta del nostro primo figlio. Spesso, mangiavamo in un ristorante vegetariano chiamato The Golden Temple (Il Tempio d'Oro). Regolarmente andavamo durante le ore tra pranzo e cena. C'erano pochi altri clienti durante quell' intervallo di tempo, ma c'era un altro cliente regolare: Michael Jackson. Recentemente era diventato vegetariano, ed era affascinato di seguire i progressi di una gravidanza vegetariana. Quando nostro figlio, Elia, nacque nel mese di giugno, Michael era felice di vederlo. Una volta mi chiese cosa volesse dire essere un padre, e mi disse che era quello che lui voleva più di tutto nella vita: avere un figlio tutto suo da prendersene cura. Anche allora, c'era qualcosa di commovente in questo uomo, a chi non era stato permesso di essere lui stesso un figlio normale, di voler essere un padre.

Il 18 febbraio 1984, quando Elia aveva otto mesi, lo portammo al Tempio d'Oro. Non c'erano altri clienti se non Michael e il suo vecchio amico, il 13enne Emmanuel Lewis, che era noto al mondo come "Webster". Michael disse che avrebbe voluto avere una macchina fotografica perché voleva farsi fotografare con Elia. Mia moglie aveva una macchina fotografica nella borsa, ma senza rullino. Michael suggerì che poteva prendere alcuni rullini in un supermercato vicino e chiese se lui e Emmanuel potevano prendersi cura di Elia, mentre aspettavamo. Quando tornò Flora, Michael suggerì pose diverse, e lei scattò una serie di foto di Elia con Michael e Emmanuel. Michael chiese le copie delle stampe quando furono sviluppati.

Ognuna delle foto risultò essere interessante, ma ce n'era una, di Michael, tenendo Elia tra le braccia, che spiccava. Guardandola oggi, 25 anni dopo, e vedendo lo sguardo luminoso di Michael e il sorriso chiaro, non posso fare a meno di sentirmi triste. Sembrava sano, felice e sereno. Il suo album Thriller aveva fatto scalpore. "Beat It" era stata rilasciata solo quattro giorni prima. E dieci giorni dopo quel pomeriggio presso il Tempio d'Oro, vinse otto Grammy Awards. La volta successiva che l'ho visto al ristorante, subito dopo sua serata trionfale, era raggiante ma sembrava anche un po 'imbarazzato del suo successo.

Ho “sfruttato” molto di quella foto di Michael Jackson ed Elia. Ogni volta che ho viaggiato, la portavo in una bustina con le foto di famiglia. La foto di Michael ed Elia era l'ultima della serie, e quando la gente arrivava ad essa, restavano solitamente sbalorditi. Dovunque sono andato, Cina, Russia, Birmania, Tahiti, tutti riconoscevano Michael Jackson. Devo ammettere che, come giornalista, l'ho usato per mettere le persone a proprio agio quando volevo intervistarli.

Col passare degli anni, Michael Jackson appariva sempre meno il Michael nella foto. Il suo colore di pelle cambiato, la forma del suo naso e il viso cambiato, e quello sguardo di gioia e appagamento scomparso.

Ora che se n'è andato, voglio condividere quella foto di Michael Jackson, in un momento in cui sembrava essere in pace con se stesso e con il mondo. Questo è il modo in cui voglio ricordarlo.

David Wallechinsky
Editor-in-Chief, AllGov.com
Posted: June 27, 2009 10:10 AM


[ Si ringrazia MARIANNA SARTE per la traduzione]

8 commenti:

  1. Pur leggendo il vostro meraviglioso Blog da 3 anni, trovato per caso andando alla ricerca di tutto quello che potevo trovare su Michael, mi sono decisa a scrivere dopo aver letto questa commovente testimonianza.
    Il suo sguardo negli anni non è stato più così sereno, felice, spensierato, non poteva esserlo dopo tutto quello che gli hanno fatto.
    Spero lo sia adesso dove si trova, finalmente in pace con se stesso e con il mondo.

    RispondiElimina
  2. era un giovane forte e pieno di spirito, amava la vita, nonostante tutto. Questo amore sconfinato verso la vita lo reneva ragiante, sapeva di poter osare, sapeva che poteva cambiare il mondo anche se solo con la sua arte. Sapeva di lasciare un impronta indelebile nella storia dell'uomo e lo ha fatto, nonostante tutto.
    Mi chiedo cosa avrebbe potuto creare, dire, scrivere se la vita gli avesse risparmiato il dolore di arrivare a non amarla più, perchè questo è successo, questo l'ha ucciso.
    mi manchi dolce angelo
    mary70'

    RispondiElimina
  3. non è il colore della pelle,
    non è il naso più piccolo,
    niente di questo per me lo rende diverso,
    ma sono davvero i suoi occhi che per troppo tempo in molti hanno cercato di offuscare,
    in troppi hanno voluto spegnere quella meravigliosa luce che avevano....
    ci sono riusciti,i suoi occhi mostravano la sua gioia di vivere e poi hanno mostrato il suo dolore,il suo tormento.
    I suoi occhi,specchio della sua anima,prima gioiosa e fiduciosa,poi tradita,ferita e dolorante...
    quei bellissimi occhi adesso sono le stelle più brillanti del cielo,perchè su questa terra la loro luce non è stata riconosciuta,la loro luce è stata offuscata e adesso risplende nei cuori di chi lo ama e di chi riesce comunque a percepirla e a vederla in ogni suo sorriso,di bambino,di ragazzo di uomo.
    Michael,per me sei sempre e comunque luce,
    la luce che illumina le mie giornate
    i love you anima bella
    LORE

    RispondiElimina
  4. Sono perfettamente d'accordo con voi ragazze, gli hanno fatto davvero tanto male e non se lo meritava! Tutta quella gioia di vivere è svanita grazie a quei mostri che lo hanno ucciso!
    Questa testimonianza è davvero commovente!

    I Love you so much sweet soul!

    RispondiElimina
  5. ciao Giovanni,èilmio pc o hai ancora cambiato qualcosa nelblog?
    appare una finestra di lato cliccando su "commenti",non c'è piùla funzione rispondi e questa finestrella nemmeno si ingrandisce....perchè così spesso questi cambiamenti e sinceramente ,in peggio?
    se non dipende da te,pazienza,ma sepuoi rimediare,rimetti tutto comeprima per le abitudinarie affezionate comeme?
    un abbraccio
    LORE

    RispondiElimina
  6. Michael mi togli il fiato, quando ti guardo perdo tutte le mie facoltà mentali, sei bello da morire.
    Ti amo.

    RispondiElimina
  7. molto bella questa testimonianza!
    anche per me, naturalmente, non sono certo i cambiamenti fisici a farlo apparire diverso. Michael è sempre stato lo stesso dolcissimo angelo, dall'inizio alla fine dei suoi giorni. Sempre dolcissimo e infinitamente buono con tutti. anche con quei tanti che gli hanno distrutto la vita. sempre a modo con tutti. Ineguagliabile..<3
    ma dentro di sè ha sofferto tanto davvero. povero angelo..non l'ha mai meritato. e purtroppo negli ultimi anni è vero che la luce nei suoi occhi andava diminuendo..ma senza mai del tutto sparire..
    Quanta forza..Michael ti amo tantissimo..sono sempre con te. <3
    with L.O.V.E.
    Gaia98
    p.s. benvenuta Anonima del primo commento! Buona permanenza nel blog!
    anche se gli angeli di questo blog sono meno presenti qui..ma sono sicura che hanno Michael sempre con loro e anche il blog nei nel cuore e nei pensieri..
    com'era bello fino a tempo fa, quando qui era sempre pieno! ricordo che ogni giorno mi collegavo e c'erano sempre commenti nuovi e pieni d'amore!
    ma credo che il picco sia stato nel 2010..bellissimo! (solo che purtroppo non frequentavo ancora il blog perchè non avevo internet..peccato, sarebbe stato davvero bello!!) leggo i commenti ora e mi viene la nostalgia, anche se non c'ero..
    ma spero comunque che tornerà in quel modo!
    scusate la pappardella, sono alquanto sensibile, nostalgica e abitudinaria! un abbraccio a tutti!
    sempre la vostra Gaia98

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Gaia per avermi dato il benvenuto!!!!
      Da 3 anni Michael mi manca terribilmente e in questo amore smisurato che provo per Lui mi sento una ragazzina come lo sei tu. Invece gli anni ci sono e anche tanti, ma come dicono l'amore non ha età
      Un bacio a te, dolcissima.
      MJdea

      Elimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.