[ARTICOLO] Michael Jackson, il messaggero ferito

 Articolo di MATT SEMINO

Senza maschera, il suo addio pieno di lacrime lo ha umanizzato agli occhi dei milioni di fans adulanti e anche agli occhi dei detrattori scettici di tutto il mondo. Paris Jackson è stata la commovente conclusione del funerale di suo padre, Michael. Allo stesso tempo, le sue poche parole sono dolorosamente servite a ricordare l’eredità conflittuosa che, come alcuni sostengono, il miglior entertainer di sempre lascia dietro di sé all’indomani della sua improvvisa, tragica e misteriosa morte. Con la scomparsa di Michael Jackson, un’icona internazionale, sorgono altrettanti interrogativi riguardo alla vita ordinaria che egli conduceva dietro il sipario del suo palcoscenico privato.
Un’intensa speculazione sulla reale causa di morte della star spazia da un’overdose accidentale alle accuse esplosive da parte di alcuni membri della famiglia di omicidio. Negli stadi finali della sua vita, Jackson era intrappolato nella spirale vertiginosa della dipendenza da farmaci incoraggiata da una rete di disabilitatori di stars e membri senza scrupolo dello staff medico. Come nella vita, Michael Jackson era inghiottito da complessi dilemmi etici e legali, così lo era anche nel preciso momento della sua morte.
Domande concernenti la custodia dei bambini di Jackson, il controllo e la divisione della sua complessa proprietà, il luogo e le procedure di sepoltura per i resti della star, l’utilizzo del denaro pubblico di L.A. per la celebrazione commemorativa svoltasi allo Staples Center e infinite altre questioni si sono sollevate come un fitta nebbia nei giorni e nelle settimane successivi al 25 giugno.
Sulla sua morte, il vaso di Pandora che è la vita segreta ma ampliamente scrutinata di Michael Jackson, si è nuovamente aperto e i media così come anche l’insaziabile appetito del pubblico per i succulenti dettagli, si sono subito manifestati. I titoli di giornale letti come vividi registri medici. “La Foto dell’Autopsia di Michael Jackson”, “I Capelli di Michael Jackson a Fuoco”, “Le ferite alle gambe di Michael Jackson e i Segni di Punture” e “Michael Jackson era Sterile” sono solo alcuni. Solo il più creativo degli scrittori di fiction potrebbe creare una storia così altamente drammatica e piena di colpi di scena. Nonostante il valore dell’intrattenimento di questi tabloids, è un oltraggio alla memoria di Michael Jackson non analizzare ragionevolmente i suoi significativi contributi culturali, in particolar modo nell’ambito dei diritti umani e della giustizia sociale, oscurati nell’esaminare la sua morte ed ora il suo corpo.
Attraverso il suo prolifico lavoro, sostegno e donazioni multimilionarie, Michael Jackson ha innalzato la consapevolezza internazionale e supportato alcune delle problematiche più complesse e persistenti che affliggono la condizione umana. L’AIDS, il cancro, la fame, i senzatetto, la criminalità, il razzismo, la dittatura, il degrado ambientale, l’abuso dei minori, la violazione dei diritti degli animali, le restrizioni sulla libertà di parola ed altri infrangimenti di libertà civili basilari sono solo alcune delle questioni difficili che Jackson ha affrontato sfruttando il potere della sua celebrità.
La comprensione intuitiva di Michael Jackson per i problemi riguardanti il sistema umano ecologico era sorprendente ed inusuale per ogni entertainer del suo calibro.
Tanti sono stati abbagliati dall’imponente spettacolarità e le notevoli controversie connesse alla sua vita e alla sua morte, da non riconoscere le tematiche politiche e sociali dominanti intrinseche nella sua musica, nei suoi video e nelle sue interviste. La forte influenza emotiva, i messaggi e i sentimenti crudi che riverberano nei testi e nelle immagini di video, a volte inquietanti, di canzoni come “They Don’t Care About Us”, “Heal The World”, “Earth Song” e “Man in the Mirror” sono lancinanti. La passione e l’intensità con cui Jackson affonda le mani nella terra e si aggrappa agli alberi nel video di “Earth Song”, un capolavoro dedicato al benessere degli animali e dell’ambiente, sono il riflesso di un leader dell’umanità che tiene profondamente alle problematiche che egli stesso sfida.
Anche solo gli eventi globali delle settimane successive alla morte di Jackson bastano a riflettere direttamente i problemi complicati per cui egli ha cercato di scuotere le coscienze a livello internazionale.
In Iran davanti agli occhi di tutto il mondo, dimostrazioni civili sono state soppresse e vittime innocenti come la giovane Neda Agha-Soltan, sono state brutalmente assassinate dagli strumenti di uno stato totalitario.
A Washigton D.C., un sostenitore della supremazia dei bianchi motivato da puro odio ha tentato di compiere una strage al U.S. Holocaust Memorial Museum, uccidendo una guardia afro-americana. Nella Corea del Nord le giornaliste statunitensi, Laura Ling e Euna Lee, sono state ingiustamente condannate a 12 anni di lavori forzati per servire da semplice merce di scambio per un malefico dittatore. Michael Jackson ha apertamente protestato contro queste forme di razzismo e repressione e ha tentato di accendere la nostra passione per prevenire la continuità di tali abusi, negligenze e discriminazioni. Come abbiamo fatto a non recepire questo messaggio quando, oggi più che mai, è necessario che venga assorbito dalla mente pubblica? Non solo gli allarmi lanciati da Michael Jackson continuano ad essere ignorati ma la sua reputazione continua ad essere infangata.
Con l’attuale fissazione sui macabri dettagli relativi alla morte di Jackson, abbiamo perso di vista la rilevanza sociale di Michael Jackson nella nostra cultura odierna. La figura di Jackson ha il potere di forzare quello che potrebbe essere un periodo di difficile e scomoda autoriflessione pubblica. Quali progressi sono stati fatti nelle problematiche dei diritti civili e umanitari globali che Jackson aveva evidenziato alle masse? Cos’è effettivamente rimasto da realizzare in ciascuno di questi ambiti per poter davvero compiere dei progressi in futuro? Sono queste le domande fondamentali su cui bisognerebbe riflettere nel contesto della morte di Michael Jackson.
Tanti potrebbero domandarsi perché mai dare a questa figura controversa, un uomo che è stato oggetto di forti critiche e reazioni pubbliche contrastanti, una simile importanza tra le notizie di cronaca odierne. A volte occorre una persona, non necessariamente un leader politico o spirituale, in grado di distinguersi simbolicamente dal resto della società, per far sì che quella stessa società rifletta sui principi che ritiene di seguire e sui valori che sostiene di abbracciare.
Jackson, durante la sua vita e la sua morte, è stato ridicolizzato e venerato, calunniato e vantato. Sotto tanti aspetti, la sua storia rappresenta il punto più alto e il più basso che un essere umano possa mai raggiungere. L’eccezionale talento, il successo, la ricchezza e la pubblica adulazione di Michael Jackson si contrapponevano alla sua estrema solitudine, paura, dipendenza e distruzione della reputazione da parte dell’opinione pubblica. Alla fine, però Michael Jackson è stato molto più di un entertainer. I suoi contributi al mondo dello spettacolo sono senza dubbio profondi. Comunque, è il suo ampio impatto culturale a trascendere le barriere economiche, sociali, razziali, religiose e generazionali. Jackson si è trasformato da semplice magico performer a umanitario di importanza storica. Era un messaggero dei nostri tempi, un cantastorie visionario che ha innalzato i livelli di consapevolezza per i cittadini di ogni nazionalità. Questo è il livello di contributo che un contratto sociale richiede a coloro che sono stati benedetti con talenti naturali, potere e ricchezza. Non dovremmo dunque abbracciare e sostenere le persone con una simile missione, anziché deriderle? Con l’evolversi della storia e con il lavoro e la figura di Jackson che verranno analizzati congiuntamente al susseguirsi degli eventi umani, l’importante rilevanza culturale della sua persona verrà svelata. Come un pezzo di letteratura classica greca che abbraccia tematiche senza tempo di sofferenze e lotte umane, il canone e la celebrità di Michael Jackson occuperanno un posto simile nel pantheon culturale dei nostri giorni. Perché, dunque, è stato necessario sparare al messaggero?
Il controverso documentario del 2003 di Martin Bashir “Living with Michael Jackson” è solo uno dei tanti esempi di come Jackson sia stato ingiustamente ritratto dai media. Il documentario è stato un incubo pubblicitario per la star. Le interviste e i commenti di Bashir furono palesemente montate con lo scopo di dipingere Jackson come un pedofilo, maniaco e megalomane. Il film fu incentrato, in maniera assolutamente negativa, sugli abusi che Jackson ha subito dal padre in tenera età, sui rumours riguardanti la sua drastica trasformazione fisica, sulle sue grandi amicizie con i ragazzini, sulla natura dei suoi precedenti rapporti sentimentali e sulle questioni concernenti i tratti somatici dei suoi bambini insieme ad altre notizie delicate. Bashir tagliò intenzionalmente del footage che poteva dare un’altra impressione di Jackson. La succesiva confutazione di Michael Jackson al documentario di Bashir trasmesso sotto forma di uno speciale TV presentato da Maury Povich, fornì uno sguardo inedito e schietto alla vera persona di quest’uomo. Sotto molti aspetti, Michael Jackson era un’anima sola che trovò gran conforto isolandosi dietro i cancelli del Neverland ranch in compagnia di animali, bambini, giostre e possedimenti sfarzosi.
Negli ultimi anni, Jackson divenne così recluso da non riuscire ad ambientarsi nemmeno nella società delle celebrità, tanto era l’immensità della sua fama e l’attenzione parassitaria che scaturiva finanche dalla più breve delle apparizioni. Esaminando queste interviste, è chiaro che Michael Jackson è una delle figure più incomprese della cultura popolare moderna.
L’incessante critica dei media contro Michael Jackson durante la sua carriera ed ora durante la sua morte è stata causata dal fatto che Jackson, come figura simbolica, ci obbliga a guardarci allo specchio e ad affrontare I problemi difficili e a volte intrattabili della nostra società che inconsciamente non vogliamo accettare. Come osa? Jackson mette in risalto, brillantemente, i traguardi e i fallimenti della civiltà nelle loro forme più estreme. L’essere ripudiato per la drastica trasformazione del suo viso era come riconoscere, allo stesso tempo, l’eccesso di una cultura ossessionata dalla bellezza che permette al denaro di cambiare finanche i componenti più fondamentali del nostro DNA. Nell’osservare e commentare la sua maschera, non stavamo forse, segretamente, riconoscendo le maschere letterali e figurate dietro le quali noi stessi, a volte, ci nascondiamo? Ironicamente, i cambiamenti fisici di Michael Jackson lo portarono ad essere etichettato come uno “strambo” o un “mostro” dalla cultura dei media che promuove la perfezione fisica attraverso ogni mezzo necessario. Come affermò Jackson in nella sua interviste con Bashir, “La chirurgia plastica non è stata inventata per Michael Jackson!”
Le accuse per molestie sessuali a danno di un minore rivolte contro Jackson prima nel 1993 e di nuovo nel 2005, per le quali fu messo allo spiedo e arrostito dai media e dal pubblico, furono semplici tentativi di estorsione alimentati dalla pura ingordigia e gelosia degli accusatori. Nonostante l’accordo del 1993 e l’assoluzione dalle accuse del 2005, l’immagine pubblica e commerciale di Michael Jackson fu severamente danneggiata. Le accuse per molestie sessuali contro Jackson rappresentarono una moderna caccia alla strega nella sua forma più spregevole. Sfortunatamente per Jackson, la caccia non era localizzata solo a Salem ma si estendeva in tutto il mondo grazie all’aiuto della tecnologia moderna dei media. Le accuse per molestie furono alimentate da sentimenti di inadeguatezza provati dai genitori dei bambini “abusati” che adoravano Jackson. Probabilmente questi genitori sentendo di non poter competere con l’amore e la fantasia concreta che Michael Jackson dava ai loro bambini, decisero disperatamente di attaccarlo. La gelosia combinata all’avidità genera un forte combustibile. La rappresentazione di Michael Jackson da parte dei media come un essere eccentrico ossessionato dalla chirurgia plastica, lo ha reso un target facile e una vittima sgradevole. Semplicemente non era concepibile che qualcuno che agiva e appariva come lui potesse essere gentile, sensibile, compassionevole e amorevole. Qual’era la motivazione dietro tutto questo? Cos’è che non andava in lui? Doveva esserci qualcosa di losco. E se l’unica motivazione di Michael Jackson fosse stata semplicemente quella di dare speranza ai meno fortunati? Forse tutto questo non è stato altro che l’insensata distruzione di un essere umano per soddisfare le nostre insicurezze e reprimere le nostre paure per l’ignoto e l’incompreso.
Riflettendo sulla vita e la morte di Michael Jackson, è difficile non rattristarsi e non vederlo sotto una luce tragica. Con tutto il suo potere, la sua ricchezza e la sua fama, giace ora dinanzi a noi come un uccello schiacciato dopo esser stato ripetutamente colpito da enormi sassi. Demoralizzato, Jackson continuava a ripiegare su sé stesso, preoccupato per ciò che quel mondo, a cui lui teneva tanto e che sperava cambiasse per il meglio, gli stava scagliando contro. I farmaci sono serviti soltanto ad alleviare il dolore di un’artista e di un umanitario sovraccarico di una missione che credeva di non aver portato a termine. Assuefatta, era l’ingordigia di coloro che circondavano Michael Jackson continuando ad assecondare i suoi desideri per auto proteggersi. Il torpore degli antidolorifici alleviava il dolore causato dal sapere che nonostante ciò che avesse cercato di dare o cambiare nella società circostante, il fardello delle sue creazioni e della critica sarcastica che da esse scaturì era divenuto troppo pesante per una persona sola da sostenere. Michael Jackson era il Sisifo dei nostri giorni, l’uomo primitivo vestito di pelli condannato a lanciare ripetutamente una pietra su una montagna solo per vederla rotolare giù nuovamente. Tristemente però, il nostro Sisifo è collassato sotto il peso della sua battaglia.
A Michael Jackson è stato attribuito il ruolo eccessivo di divinità del pop, di figura mitica, solo per essere crocefisso e lapidato dagli stessi onnipotenti media che crearono il suo successo. Le sue audaci stravaganze andavano al di là del comportamento standard socialmente accettabile ma erano necessariamente illegali o sbagliate? No. La maggior parte delle azioni di Jackson erano sì poso convenzionali ma, allo stesso tempo, la grandezza della sua celebrità e il suo status globale non erano forse al di là di qualsiasi altra cosa che la cultura odierna avesse mai visto? La sua megalomania e la sua eccentricità si sono influenzati ed ingigantiti a vicenda.
E’ innegabile che l’immensa celebrità e ricchezza di Michael Jackson gli hanno permesso di distaccarsi dalla società tradizionale e osservare il mondo da una posizione privilegiata. A volte però, occorre proprio quella posizione fortunata ed isolata per essere in grado di fare le osservazioni sociali meno contaminate ed infine elaborare il commento sociale più efficiente attraverso l’arte. Nella storia, il lavoro e le vite di tanti artisti sono stati ridicolizzati e disprezzati dal pubblico durante i loro tempi d’oro, per essere compresi solo dopo la morte nel canone dei Grandi. Senza dubbio anche Michael Jackson, a tempo dovuto, riceverà dalla critica lo stesso livello di acclamazione come artista ma anche e soprattutto, come umanitario.

20 commenti:

  1. MICHAEL FOREVER 7421 aprile 2010 01:37

    Con un gran nodo alla gola per cio' che hai scritto..Signor SEMINO,vorrei solo stringerti la mano e dirti semplicemente:GRAZIE...
    gRATIFICA LEGGERTI MA FA ANCHE TANTO,TANTO MALE...
    LA VITA DI MJ E' UNA DELLE INGIUSTIZIE PIU' IMMENSE CHE IO CONOSCA...
    Riposa in pace anima mia...Lo meriti piu' di chiunque..

    I LOVE YOU FOREVER MICHAEL...

    RispondiElimina
  2. MICHAEL FOREVER 7421 aprile 2010 01:55

    X MARY 70:
    TI QUOTO e' un espressione che ho imparato ad usare nel forum per dire che ti appoggio e sono con te al 100 per 100 per cio' che hai detto...
    ( in questo caso riguardo cio' che hai affermato sulla LOREN..)..
    un bacio cara...Scrivi sempre molto bene per Mj,grazie...

    RispondiElimina
  3. sono d'accordo su tutto quello che e' stato scritto su questo veritiero articolo e noi fans siamo certi che michael da lassu' ne sara' contento e soddisfatto come siamo certi che non finisce cosi' la sua storia, grazie per questo articolo, grazie di cuore

    RispondiElimina
  4. QUESTO ARTICOLO DESCRIVE ALLA PERFEZIONE TUTTO CIO' CHE MICHAEL ERA E HA FATTO...NON C'E' ALTRO DA DIRE...DOVREBBE ESSERE SCRITTO A GRANDI LETTERE IN CIELO, IN MODO CHE TUTTI LO POTESSERO LEGGERE E RENDERSI CONTO DAVVERO DELLA PERSONA CHE ABBIAMO PERSO!
    MA NON DOVREMO ASPETTARE ANCORA MOLTO PERCHE' TUTTO CIO' VERRA' FUORI E ALLORA, ANCHE I PIU' SCETTICI E I NEMICI PIU' ACCANITI SIA DI MICHAEL CHE DEI SUOI FANS VERSERANNO LACRIME!!!LO SPERO DAVVERO CON TUTTO IL CUORE....
    SPEECHLESS.....
    J LOVE YOU MICHAEL

    RispondiElimina
  5. Mio Dio che articolo!!! Bellissimo, capace di sviscerare ed esaminare ogni angolo dell'esistenza di Jackson. Proprio nella giusta luce, come lo conosciamo noi fan. Michael era una persona semplicissima pur essendo un grandioso. Grazie giovanni per averlo reso pubblico.
    Un articolo così ti fa essere fiero di esserti innamorato di Jackson....

    RispondiElimina
  6. Devo solo ringraziare chi è riuscito a cogliere esattamente quale era la vera essenza di Michael Jackson. Questo folletto buono è stato profondamente frainteso, vittima di una persecuzione mediatica senza precedenti. Quanti sono a conoscenza delle sue due candidature al premio Nobel per la pace? Quanti sanno che era presente nel Guinness dei primati per essere stato la celebrità che più si è prodigata in opere benefiche?
    Grazie ancora per questo articolo. Sono profondamente commossa.
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  7. ottimo articolo ha colto in pieno tutta l'essenza della vicenda M.J. sono daccordo con lui su molti punti ma soprattutto quando dice "L’incessante critica dei media contro Michael Jackson durante la sua carriera ed ora durante la sua morte è stata causata dal fatto che Jackson, come figura simbolica, ci obbliga a guardarci allo specchio e ad affrontare I problemi difficili e a volte intrattabili della nostra società che inconsciamente non vogliamo accettare. Come osa? Jackson mette in risalto, brillantemente, i traguardi e i fallimenti della civiltà nelle loro forme più estreme" questa è la verità Michael non avrebbe potuto essere compreso da persone così prive di umanità e di autocritica. L'unico errore - se così lo si può chiamare - commesso da Michael è stato quello di frequentare persone che non avrebbero potuto capirlo per la loro superficialità, avrebbe dovuto frequentare persone semplici .. in fondo lui era molto semplice nella sua grandezza. I love Michael mary70'

    RispondiElimina
  8. Condivido quello che vien detto!
    Michael era un grande umanitario, un grande artista ma non solo era un grande uomo!
    ed è stato lapidato ingiustamente!
    spero che ora tu abbia tutto ciò che hai sempre desiderato!

    RispondiElimina
  9. Finalmente un articolo che scava profondamente nella vera essenza di colui che dopo aver dato il massimo senza la pretesa di ricevere nulla... ora non c'è più.
    Se ne avessi la possibilità, lo trasmetterei nelle tv di tutto il mondo per aprire molte menti ottuse che hanno sempre giudicato in maniera sbagliata e hanno fatto solo cattiverie nei suoi confronti.
    Anche se non si può tornare indietro, sarei contenta se almeno l'opinione nei confronti di Michael fosse degna della sua persona.
    Che amarezza.

    Amore per sempre Michael

    RispondiElimina
  10. articolo bellissimo,che ha colto in pieno chi era veramente Michael Jackson.Purtroppo però non credo che la verità sulla sua persona verrà mai fuori.In tutti questi anni i media,credo con la complicità di chi stava vicino a Michael,hanno creato il personaggio e non credo che faranno marcia in dietro ammettendo di essere stati perfidi e di aver incisivamente collaborato al suo isolamento e alla sua morte.
    GRAZIE MICHAEL PER TUTTO QUELLO CHE CI HAI DONATO.

    RispondiElimina
  11. oggi ascoltavo le sue canzoni e ho notato come non mai che il suo cantare era dolce e delicato esattamente come era la sua personalità, era un essere speciale ed unico e mi duole profondamente non averlo conosciuto, era il tipo di persona, il tipo di uomo e di essere umano che avrei voluto avere vicino per tutta la vita. Avrei voluto essere circondata da persone come lui .. questo è il mio sogno, il suo sogno, forse il sogno di tutti noi ... ma allora cosa ci impedisce di realizzarlo? Cosa? forse perchè non riusciamo a dirci gli uni agli altri "ti amo". Questo era il suo sogno far si che ci amassimo gli uni con gli altri . Ecco perchè non si arrabbiava mai, lui amava .. tutto .. tutti. Ti voglio bene e te ne vorrò sempre Michael.mary70'

    RispondiElimina
  12. rispondo a Mary70. ho notato anche io che la sua voce è il ritratto della sua personalità, è vero, perchè con il canto si esprime quello che si ha dentro. Michael è riuscito a smuovere le coscienze,forse non tutte, ma abbastanza da cambiare la vita a molti..e noi ne siamo la dimostrazione. uniamoci nell'amicizia e nell'amore come voleva lui. sono certa che ciò che ha lasciato non svanirà mai!!Michael grazie ancora!

    RispondiElimina
  13. Egregio sig. Semino,
    grazie, I'M SPEECHLESS.

    E come avrebbe detto Michael: "GOD BLESS YOU".

    RispondiElimina
  14. Fnalmente un'articolo pieno di verità e non di mensogne.
    Grazie, Grazie dal profondo del mio cuore e del cuore di tutti i fans, anche quelli che l'articolo non lo hanno ancora letto.
    Givanni, grazie anche a te per questo articolo sono profondamente commossa e felice che tante persone condividano il mio identico pensiero CIAO a voi TUTTI

    RispondiElimina
  15. Leggo solo ora questo articolo.
    Complimenti sinceri, veramente notevole, grazie...
    Isabella

    RispondiElimina
  16. Anche io leggo per la prima e unica volta un ritratto sincero e penso abbia ragione perchè quest'uomo era veramente un grande, più lo conosco e più lo penso.
    Per me la sua missione era compiuta, ma lui non lo sapeva...pensava di aver fallito e invece la storia gli darà ragione come ad ogni vero artista...

    RispondiElimina
  17. Grazie..........ho trascorso queste "feste" ascoltando la Sua musica.......
    Leggendo queste parole...
    Grazie di cuore.

    RispondiElimina
  18. Ho un messaggio per il fondatore di questo Blog: Sei una persona molto ma molto Brava perchè ci fai riflettere sull'ARTE E SULLA GRANDEZZA DI UN UOMO .GRAZIE PER QUESTO MERAVIGLIOSO BLOG CHE HAI CREATO .
    Ci sono tante parole che vOrrei scrivere ma penso sia inutile poiche giungo sempre alla stessa conslusione, la quale parla da sola : NON CI SARA UN'ALTRO MICHAEL JACKSON .
    Provo un odio profondo dentro di me per tutte queste ingiustizie che ha dovuto subire dai nostri simili, perche la societa d'oggi giudica le VIRTU ed abbraccia tutto cio che non è puro. "TI AMO MICHAEL, PREGO SOLO CHE TI SI FACCIA GIUSTIZIA ! RIPOSA IN PACE"

    RispondiElimina
  19. Tanto male è stato detto, troppo è stato calpestato...il nostro Michael...
    Ma come vedi c'è gente che crede in te e porterà avanti il tuo profondo messaggio...
    Tu non ci sei più Michael... ma il futuro ti attende... tu sarai storia, una grande storia da leggere e da ammirare... da custodire come bene prezioso.
    Mi manchi tanto...
    Ma mi hai lasciato tanto... ogni tua canzone, affermazione è, per me, pane quotidiano... sempre nel mio cuore Michael... sempre.

    Daniela 70

    RispondiElimina
  20. Questo articolo lo leggo ora 19/02/2016 mi riempie il cuore , grazie, grazie ,grazie per quello che ha scritto sig. SEMINO , CREDO IN MICHAEL sempre di piu'

    RispondiElimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.