[ARTICOLO] Jacko, film e disco esplosivi accendono solo il rimpianto

Articolo di ANTONIO LODETTI - ilgiornale.it

Elvis e Michael Jackson, al di là della loro grandezza artistica, ci hanno insegnato come la musica diventi un bene di consumo e l’artista (seppur sommo) poco più che un supervenditore. Non scandalizziamoci, questo non va a scapito del valore della popstar. Si vende la sua musica ma anche il suo stile di vita. «Il sistema delle celebrità del rock - scrive il critico Gary Herman - è ideato per mantenere costantemente un nome designato nell’occhio e nell’orecchio del pubblico, per incoraggiare il processo d’identificazione e promuovere le vendite». Business is business, perché non approfittare con i più grandi? Soprattutto quando hanno un talento naturale e innovativo come Jacko. Insomma chiamatela furbata, sfruttamento del caro estinto, ma il film e il cd This Is It, (usciti ieri), il musical teatrale Thriller Live e il libro MoonWalk rendono onore a Michael Jackson. Soprattutto il film e l’album; in quelle immagini di un Jackson al lavoro, leader ma allo stesso tempo entusiasta apprendista pronto per «regalare al pubblico cose mai viste» (come dice alla fine del film), il divo e l’ammiratore diventano un tutt’uno, assorti nella passione che li accomuna. Non a caso si parla di fan in delirio in tutto il mondo. A questo punto non importa se Jacko stesse bene o male, dalle immagini che vediamo (d’accordo, quasi due ore tratte da mesi di prove non possono raccontare la verità) ce la mette tutta. È il folletto senza tempo che si cala nei panni di Billie Jean; è il pirotecnico ballerino che unisce soul, dance, funky in They Don’t Care About Us; il romantico balladeer di I Can’t Stop Loving You; il mito di Thriller; il rocker che insegna alla sua chitarrista come «tirare le note alte» per fare un assolo alla Jimi Hendrix in Beat It e Smooth Criminal. Nel film si vede come Michael curi maniacalmente i dettagli ed abbia una solida preparazione musicale; come segua gli arrangiamenti dando consigli ai musicisti e ai bravissimi ballerini (emozionati all’inizio del casting come e più dei concorrenti di Amici). Quei primi 50 concerti londinesi avrebbero dovuto essere il «suo» show. Ora non c’è più: al suo posto esce un film che lo fa rimpiangere. «Un film che condivide con il pubblico il processo creativo di Michael da aprile a giugno - racconta il regista Kenny Ortega - This Is It mostra il genio di Jackson al lavoro. Era una meravigliosa armonia d’innocenza e genialità». Di gentilezza e di umiltà aggiungiamo noi, almeno per ciò che si vede dalle immagini. E - sempre dalle immagini - un’altra cosa è certa: abbiamo perso uno degli show più grandiosi e pirotecnici (degno di un musical broadwayano) della storia del pop. «Il nostro obiettivo era quello di trattare l’eredità di Michael con dignità e rispetto», ha chiosato il produttore John Branca.
Anche il doppio album This Is It è destinato ai piani alti delle classifiche, impreziosito dall’omonimo brano inedito, splendida ballata soul interpretata in due verisoni, una con i fratelli, dalla poesia Planet Earth e da versioni mai pubblicate di Wanna Be Startin’ Something, She’s Out of My Life e Beat It (più un libretto commemorativo e tante foto). Il musical (più che altro un juke box animato) Thriller Live, che sta facendo impazzire Londra, sta per debuttare in Italia con altrettanto successo. Ma l’attenzione di tutti è puntata su quel centinaio di brani inediti che la Sony custodisce gelosamente nei suoi cassetti segreti. Fino a quando?

2 commenti:

  1. Per sempre! Cosa credi che sia una moda?
    Chi lo ha capito lo ama e amerà sempre qualsiasi cosa lui abbia fatto.
    Il rimpianto anche quello c'è è ovvio, ma tutto cio che lo
    riguarda è per sempre.

    Amore per sempre Michael

    RispondiElimina
  2. vedo k la gente stupidamente continua a rivolgersi a lui chiamandolo jacko,ignorando k lui lo odiava...e già solo qst continua ad essere una mancanza d rispetto...nn sopporto affatto d leggere sempre cose k lo avrebbero ferito e stancato ulteriormente...certo k c'è un grande rimpianto,sappiamo tutti benissimo k persona il mondo ha perso...e tutti i mostri che fanno finta d nn saperlo e continuano ad infangarlo, se nn avranno il coraggio d ammettere la loro schifosa meschinità,saranno cmq divorati dai sensi d colpa...e se anke nn avessero coscienza,prima o dopo tutti andremo davanti a Dio, allora giustizia sarà fatta,e nn vorrei essere al loro posto..tu invece angelo dolcissimo sarai x sempre coccolato insieme agli altri angeli,i bambini e ogni forma d bene...xkè è tutto ciò k meriti...t amo!

    RispondiElimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.