Intervista "Michael Talks To Oprah" (1993)


DISCORSO DI INTRODUZIONE di OPRAH WINFREY:
Pensavo che ci sarebbero stati alcuni lama che avrebbero attraversato le stanze e forse un paio di scimpanzè che avrebbero saltato qua e là, ma mi sono completamente sbagliata. Ci sono molte zone straordinarie in questo ranch di 11 kmq che nei prossimi 90 min. avrete occasione di vedere. Ma dove Michael Jackson dorme, mangia e vive è semplicemente una dimora meravigliosa. C'è una grande biblioteca con libri classici rilegati in cuoio. Sui muri ci sono dei quadri di valore artistico. Praticamente niente di tutto quello che ci saremmo aspettati. Prima di incontrare l'uomo che abita qui, è importante sapere da dove viene, perché la sua storia ha semplicemente dell'incredibile.

COMMENTO AL FILMATO
Michael è il settimo di nove figli nati a Gary nell' Indiana, da una famiglia di colore. Il padre Joseph lavorava in un'acciaieria, la madre si chiama Catherine. Sembra che la famiglia Jackson si sia avvicinata alla musica in seguito alla rottura del televisore. Da quando sono saliti sul palcoscenico la loro strada per il successo è stata segnata.
Tutto ciò iniziò in un posto che si chiama MOTOWN. Dal primo video nel quale si vedono i Jackson durante l'audizione alla Motown, si riconosce subito l'impronta che James Brown ha dato al giovane Michael. La rappresentazione dei ragazzi in quel giorno ha stupito non pochi dipendenti della ditta, che si sono fermati a guardare. Il padrone della Motown Berry Gordy ha subito riconosciuto che aveva a che fare con dei grandi talenti.
Fù l'inizio di una carriera che stabilirà tutta una serie di record che conosciamo. Le prime 4 canzoni andarono subito ai primi posti delle classifiche. Quei ragazzi erano straordinari ed il ragazzino davanti aveva dell'incredibile. Per la famiglia Jackson la vita cambiò in una notte. La sera prima erano degli sconosciuti ed il giorno dopo delle Superstar. La loro vita era piena di concerti, apparizioni televisive, ma era il piccolo Michael che attirava maggiormente le attenzioni su di sé. In seguito diventò una star per conto suo e portò sul mercato un successo dopo l'altro e tutto diventava oro.
Col passare degli anni la fama dei Jackson diventò sempre più grande e non cambiò neppure quando i ragazzi crebbero. Chi avrebbe potuto immaginare cosa serbava il futuro per il giovane Michael.

- Cosa succederà quando la tua voce cambierà?
- Resterò come sono!
- Continuerai a cantare?
- Sì !

INTERVISTA
O - Signore e Signori, MICHAEL JACKSON !

O - Sei nervoso ora?

M - Quanto cosa ?

O - Quanto sei nervoso ora?

M - Non sono nervoso per niente!

O - Veramente?

M - Io non sono mai nervoso.

O - Neanche in occasione della tua prima intervista dopo 14 anni, che viene trasmessa "live" in tutto il mondo?

M - No.

O - Ok, ho pensato che saresti stato un po' nervoso, ma se tu non lo sei, non lo sono neppure io. Prima che inizi l'intervista vera e propria vorrei rassicurare i telespettatori che quando ci siamo accordati per questa intervista, tu ti sei dichiarato d'accordo per rispondere a tutte le mie domande e che nessuna domanda è stata preparata prima. Questo è quanto volevo chiarire.

M - Sì, questo è proprio vero!

O - Ti abbiamo osservato durante la rappresentazione del video di quando eri bambino, ti ha fatto venire in mente dei ricordi?

M - Sì, mi è venuto da ridere. Questo materiale non lo vedevo da tanto tempo ed ha richiamato in me tanti ricordi. Io e i miei fratelli che amo molto ... sono stati momenti molto belli per me.

O - Ho visto come ridevi quando hanno fatto vedere la canzone: Baby, Baby!

M - Sì, penso che James Brown sia un genio e con il suo gruppo era straordinario. Lo osservavo sempre alla televisione e mi arrabbiavo sempre molto con il cameraman. Quando James Brown iniziava a ballare inquadravano sempre da vicino la sua faccia e non facevano vedere i suoi piedi. Ho sempre pestato con i piedi e gridavo: ma fai vedere i suoi piedi!

O - Inoltre chi ti piace?

M - Jackie Wilson, che ho sempre ammirato come intrattenitore, il genere musicale della Motown, i Bee Gees, che erano brillanti, amo la musica formidabile.

O - Quando guardo le registrazioni che ti riguardano, e per preparare questa intervista devo aver visto tutto quanto era possibile, dunque, quando le guardo, specialmente quelle dei primi anni, sembra che tu sul palcoscenico ti svegli in una nuova vita. Succede qualcosa in te. Quando eri bambino eri così felice anche quando eri sul palcoscenico?

M - Il palcoscenico per me era la mia casa. Era il posto dove mi sono sempre trovato meglio ed è così anche ora. Quando scendevo dal palcoscenico ero sempre molto triste.

O - Veramente?

M - Sì!

O - Perché eri triste?

M - Ero solo e così ero sempre triste, dovevo combattere con la mia popolarità che mi schiacciava. Ci sono stati tempi anche favolosi, con i miei fratelli, quando abbiamo fatto le lotte con i cuscini, ma ho sempre pianto di solitudine.

O - Veramente? Quando hai incominciato?

M - Ero ancora molto piccolo, forse avevo 8 o 9 anni.

O - Allora le cose viste dall'interno erano completamente diverse da quelle che apparivano dall'esterno. Mi ricordo quando ero piccola e volevo sposare Jackie Jackson, tuo fratello. Per noi eravate la cosa più fantastica, tutti avrebbero voluto avere quella vita!

M - Ma è anche una vita meravigliosa! Si viaggia in tutto il mondo, si vedono cose meravigliose, si incontrano persone, è semplicemente stupendo, ma c'è anche il rovescio della medaglia. Ma io non mi lamento! Bisogna fare molte prove e bisogna sacrificare il proprio tempo e se stessi.

O - Ho parlato recentemente con Suzanne de Passe. Quando eravate alla Motown avete lavorato molto insieme, vi ha portato in forma, ha cercato i vostri costumi. Suzanne mi ha detto alcune cose interessanti riguardo la tua infanzia. Abbiamo discusso sul fatto se tu avessi veramente perso la tua infanzia. E' stato così?

M - Sì, ora lo riconosco, e l'ho riconosciuto anche allora. Prima ricevevamo lezioni da un insegnante privato per 3 ore e poi andavamo subito nello studio di registrazione. Lì lavoravamo per ore ed ore fino a quando veniva l'ora di andare a dormire. Mi ricordo che per andare negli studi passavamo da un parco e c'erano sempre dei bambini che giocavano, che lottavano tra di loro e facevano baccano e io piangevo ed ero triste perché dovevo andare a lavorare.

O - Ascoltiamo cosa ha detto Suzanne di te. Abbiamo anche un po' di immagini di quando eri piccolo.
------------
FILMATO:
- Descrivici le tue impressioni.
- Quello che faccio?
- Sì
- La maggior parte delle canzoni hanno un ritmo veloce.
- Sì, ma tu che impressioni hai?
- Quello che canto lo provo anche, non lo canterei, se non lo prendessi seriamente.

Suzanne - Quando ho conosciuto Michael aveva 9 anni e doveva compierne 10. Era un piccolo bambino, è andato sul palcoscenico ed è diventato una Superstar. Ha perso la facoltà di essere un bambino quando aveva 12/13 anni. Non poteva andare da nessuna parte senza guardie del corpo, senza limousine. Non poteva andare neppure al parco, giocare con altri bambini o semplicemente andare al cinema. Aveva bisogno sempre di qualcuno che lo proteggesse dal suo successo. Penso che abbia pagato un prezzo molto alto.

------------

O - Suzanne ha detto che hai pagato un prezzo molto alto. Vorrei sapere quanto è stato alto per te perdere la tua infanzia e vivere in quel modo.

M - Non si possono fare le cose che fanno gli altri bambini. Le cose più semplici, che si ritengono più logiche. Avere degli amici, fare delle feste. Tutto questo per me non c'è stato. Non ho avuto amici, solo i miei fratelli.

O - Non so, da bambina avevo i miei giocattoli, le mie bambole, ogni bambino ha il suo angolo segreto dove può rintanarsi e vivere il suo mondo di bambino, di fantasia infantile. Potevi farlo anche tu?

M - No, e perciò penso che poiché non l'ho mai avuto, ora cerco di compensare la cosa. Le persone mi chiedono sempre perché mi circondo di tanti bambini. Quello che non ho avuto allora, lo trovo ora nei bambini, a Disneyland, nei parchi di divertimenti, nei videogames. Tutte queste cose mi piacciono molto. Perché quando ero piccolo c'era solo tempo per lavorare, dalla mattina alla sera. Andavamo da un concerto all'altro, e quando non era un concerto erano gli studi di registrazione, le apparizioni televisive, le interviste, le sessioni fotografiche ... c'era sempre qualcosa da fare.

O - Hanno detto che sei un'anima adulta in un piccolo corpo.

M - Sì, questo l'ho sentito spesso. Altre persone hanno anche detto che sono un nano di 45 anni. Questa storia l'ho sentita in ogni parte dove sono stato. Ma io non ci ho mai pensato. Quando le persone mi chiedono: quando eri piccolo ed hai incominciato a cantare sapevi come eri bravo? Io rispondo sempre che non ci ho mai pensato. Io lo facevo e mi veniva semplicemente naturale.

O - Ed eccoti qua come Michael Jackson. Quello che ha alle spalle numerosi successi e che ha pianto perché non poteva essere come gli altri bambini.

M - Io amavo il mondo musicale ed il suo bisness e lo amo ancora, ma ci sono momenti nei quali vorresti essere uno sconosciuto e fare le cose che fanno le persone normali. Questo mi ha reso triste, perché io non le potevo fare. Una volta dovevamo andare in Sudamerica, le valige erano già pronte e tutti erano in macchina con i motori accesi e mi aspettavano. Io mi sono nascosto e ho pianto, perché non volevo andare, volevo andare a giocare.

O - Quando hai attirato tutta l'attenzione su di te i tuoi fratelli sono diventati gelosi?

M - No.

O - Non hai mai sentito la loro invidia?

M - No, loro erano sempre contenti che io sapessi fare determinate cose. No, non ho mai avuto l'impressione che fossero gelosi.

O - Pensi che siano gelosi ora?

M - No, non penso.

O - Che rapporti hai con la tua famiglia, siete ancora molto uniti?

M - Io amo la mia famiglia e desidero solo vederla più spesso. Ma poiché siamo una famiglia di spettacolo e dobbiamo lavorare, abbiamo stabilito un giorno per la famiglia. Ci troviamo da Jermaine, da Marlon o da Tito. Ci riuniamo tutti, ci divertiamo, parliamo e ci raccontiamo le ultime novità.

O - Non sei arrabbiato con LaToya per quanto ha scritto nel suo libro sulla vostra famiglia?

M - Non ho letto il libro di LaToya. So solo che amo mia sorella e l'amerò sempre. Io la conosco solo come l'allegra, affettuosa LaToya, con la quale sono cresciuto. Perciò non posso rispondere.

O - Ritieni che tutte le cose che ha scritto siano vere?

M - Non posso rispondere, Oprah, veramente. Io non ho letto il suo libro, è la verità!

O - Bene, torniamo indietro nel tempo, a quando avevi tutte quelle sensazioni di smarrimento, quando non c'era nessuno che giocava con te se non i tuoi fratelli. Veramente non hai potuto fare una festa?

M - No, mai.

O - Mi domando, tu eri quel bambino meraviglioso, tutti venivano da te, volevano pizzicarti le guance e dicevano quanto eri carino. Eri praticamente un bambino prodigio. Come ha influito il diventare grande, come hai vissuto il periodo nel quale si ride di tutto. Quando sei entrato in quella fase della vita, nella pubertà, poiché eri già una Superstar, è stato per te un periodo particolarmente difficile?

M - Sì, molto, molto difficile. Ogni bambino prodigio soffre in questa fase. Non sei più quel bambino carino, tutti vorrebbero che fossi rimasto com'ero per sempre.

O - Tutti chi ?

M - Il pubblico. La nature segue il suo corso. Avevo un'acne terribile, il mio aspetto era terribile ed io non mi guardavo allo specchio. Sono diventato molto timido e non volevo più guardarmi allo specchio. Mi lavavo la faccia al buio. Mio padre mi prendeva in giro ed io odiavo tutto ciò e piangevo ogni giorno.

O - Tuo padre ti prendeva in giro?

M - Sì, diceva che ero brutto.

O - Te lo diceva veramente?

M - Sì.

O - Com'è il rapporto con tuo padre ora?

M - Io amo mio padre, ma non lo conosco.

O - Sei arrabbiato con lui per quello che ha fatto. Penso che sia stato crudele!

M - Sono arrabbiato con mio padre? (pensando)

O - Poiché è già abbastanza difficile accettarsi senza che i genitori continuino a dirti che sei brutto.

M - Sono arrabbiato con lui? ... Sì, a volte sì, ma non lo conosco come vorrei. Mia madre è meravigliosa, fantastica, per me è perfetta. Ma mi auguro di poter capire mio padre.

O - Parliamo della tua adolescenza. Sono stati gli anni nei quali ti sei ritratto in te stesso. Per 14 anni non hai più parlato al mondo. Credo che la tua ultima intervista alla televisione risalga a 14 anni fa. Sei praticamente diventato un eremita. L'hai fatto di proposito? Volevi proteggerti?

M - Ho pensato che non avevo niente di importante da dire. E poi per me sono stati anni veramente tristi.

O - Perché eri così triste? Ti abbiamo visto sul palcoscenico, hai ricevuto i tuoi Grammy, allora perché questa tristezza?

M - Ci sono molte tristezze nel mio passato. La mia crescita, mio padre ... tutte queste cose mi hanno reso molto triste.

O - Tuo padre ti prendeva in giro, ma ti ha anche picchiato?

M - Sì.

O - Certo è difficile venir picchiati e poi dover salire sul palcoscenico per cantare. Perché ti picchiava?

M - Mi rimproverava di essere triste. Era molto autoritario, severo. Con me era molto duro. Un suo sguardo ed avevo paura.

O - Avevi molta paura?

M - Sì, molta. Ci sono stati dei momenti in cui solo a vederlo stavo male. Quando si avvicinava avevo gli urti di vomito.

O - Da bambino o da adulto?

M - In entrambi i casi. Non mi ha mai sentito dire queste cose. Per favore papà non te la prendere (sorride e guarda un po' preoccupato nell'obiettivo)

O - Penso che ognuno è un po' responsabile di quello che fa nella vita ed anche tuo padre deve subirne le conseguenze.

M - Sì, ma lo amo e lo perdono !

O - Ma è proprio possibile perdonare? Con quello che ti ha fatto passare?

M - Io lo perdono. Comunque vengono dette così tante fesserie sul mio conto e sono tutte bugie ed è di queste cose che voglio parlare ora. La stampa diffonde così tante storie su di me che sono completamente inaccettabili, così lontane dalla realtà. Mi sono accorto che più si racconta una bugia, più la si ascolta, più presto si crede ad essa. Se la bugia viene raccontata abbastanza spesso la gente la prende per vera. Sono così terribili le cose che raccontano su di me e sono tutte false !

O - Dopo l'intervallo le prenderemo in considerazione una ad una.

M - Sì Oprah, fai passare tutta la lista, tutta la lista!

O - Quando torneremo, passeremo tutta la lista e chiariremo la verità, così ti sentirai liberato.

O - Prima dell'intervallo Michael ci ha raccontato come è stato crescere come Michael Jackson. Ci ha raccontato che suo padre lo picchiava ed io sono sicura che è la verità, anche se non l'abbiamo controllata. Quando è arrivato l'intervallo stavamo parlando di tutte le dicerie che ci sono al suo riguardo. Ce ne sono così tante, che per non dimenticarle le ho elencate. Cosa che in genere non faccio mai. Allora per prima cosa, quando un po' di tempo fa sono venuta nella tua casa per preparare l'intervista, per l'illuminazione ecc... quando tu non eri in casa, ho visitato tutto, anche il piano di sopra, ma non ho trovato nessuna camera ad ossigeno!

M - Questa è una storia completamente pazza. La stampa scandalistica scrive certe cose che sono completamente inventate.

O - Va bene, ma tu sei sdraiato in qualche cosa. Da dove arriva e com'è iniziata tutta la storia?

M - Mentre giravo lo spot pubblicitario per la Pepsi Cola, sono rimasto ustionato. Ci siamo messi d'accordo per un risarcimento di alcuni milioni, che ho messo completamente a disposizione del Michael Jackson Burn Center, una clinica specializzata per ustioni. Io mi sono guardato l'apparecchiatura, l'ho toccata, volevo avere un'impressione più precisa, perciò mi sono sdraiato dentro. Nel frattempo qualcuno ha scattato una fotografia. Quello che poi ha sviluppato la foto, mi ha riconosciuto, si è fatto una copia ed ha distribuito la foto in tutto il mondo abbinata a quella bugia. E' tutto falso. Non riesco a capire perché la gente compra certi giornali! E' tutta una bugia! Al riguardo vorrei dire che non bisogna giudicare una persona, se non si è parlato personalmente con la stessa e non bisogna giudicare una persona solo basandosi sulle dicerie, che sono sempre false.

O - Sì, ma quella storia sembrava avesse le gambe!

M - Certo, (ridendo) ma perché avrei dovuto mettermi in un simile apparecchio?

O - Si diceva che ti mettevi in quell'apparecchio per non invecchiare!

M - (sempre ridendo) Questa è una idiozia bella e buona, che si sono inventati e per me è imbarazzante. Sono disposto a perdonare, sono disposto a perdonare tutti, perché mi hanno insegnato ad amare le persone e a perdonare e questo desiderio è nel mio cuore, ma vi prego, non credete più a queste pazze e ridicole storie!

O - Va bene, lasciamo perdere. Hai comprato o cercato di comprare lo scheletro dell'uomo elefante?

M - No, questa è un'altra di quelle stupide storie. Io amo la storia dell'uomo elefante, perché mi ricorda me stesso. Mi potevo ritrovare nella sua storia ed ho anche pianto, ma non ho mai cercato di comprare le sue ossa, cosa avrei dovuto farmene? (ridendo e scuotendo la testa)

O - Da dove arriva allora questa storia?

M - Qualcuno inventa una storia e gli altri dovrebbero crederla. Se una bugia viene raccontata abbastanza spesso si incomincia a crederla.

O - Uno dei tuoi avvocati durante una conferenza stampa ha raccontato che per fare uno spot pubblicitario nel quale appari da bambino, hai preteso un bambino bianco.

M - (sospirando) E' semplicemente una stupidaggine! E' la storia più ridicola e terribile che abbia mai sentito. E' pazzesco! Quel bambino doveva rappresentare me da piccolo, perciò perché avrei dovuto pretendere un bambino bianco? Io sono un americano negro, sono orgoglioso di essere un negro americano, son orgoglioso della mia razza, sono orgoglioso di ciò che sono, in me c'è tanto orgoglio e tanta dignità. E' come se un orientale dovesse rappresentare te da bambina. Ha senso? Allora gente, smettetela di credere a queste terribili storie!

O - Ora arriviamo a quello che si discute di più sul tuo conto. Si tratta del colore della tua pelle. La tua pelle è senza dubbio diversa da come era quando eri piccolo. Al riguardo ci sono state speculazioni e si sono raccontate tante storie controverse. Cosa hai fatto o cosa stai facendo per schiarire la tua pelle? La tua pelle è più chiara perché non eri volentieri un negro?

M - Per prima cosa vorrei chiarire che per quanto ne so è impossibile schiarire la pelle. Non ho mai visto una cosa simile e non so come sia.

O - Sì, ma ci sono state tante storie al riguardo, che ti schiarisci in continuazione la pelle e che perciò ti circondi di 300.000 galloni di medicinali!

M - La situazione è la seguente: io soffro di una disfunzione della pelle. La pigmentazione della pelle viene distrutta e non posso farci niente. Mi fa semplicemente male, quando la gente si inventa certe storie in simili occasioni.

O - Ah, è così?

M - (con un nodo alla gola e trattenendo a fatica le lacrime) Per me è un problema e non posso controllarlo. Ma cosa mi dite dei milioni di persone che si mettono la sole per diventare più scuri, per avere una pelle di colore più scuro di quella che hanno in quel momento? Di loro non parla nessuno!

O - Quando è incominciato? Quando la tua pelle ha iniziato a cambiare colore?

M - Vediamo ... quando è stato ... subito dopo Thriller, sì, in quel periodo.

O - Tu cosa hai fatto?

M - Dipende dalla mia famiglia, è una cosa ereditaria dalla parte di mio padre e io non ne ho il controllo, non lo capisco e ciò mi rende molto triste. Ora non voglio parlare della malattia della mia famiglia, è una questione personale, ma questa è la situazione, perciò le persone dovrebbero smetterla di ...

O - Va bene, ora fissiamo questi punti. Tu non prendi niente per schiarire la tua pelle?

M - Mio Dio, no!

O - Non fai niente consapevolmente?

M - No, no, cerco di tenere la cosa sotto controllo con il trucco, così nascondo le macchie. E' curioso, perché certe cose sono così importanti? Per me non sono importanti. Io amo molto l'arte. Amo Michelangelo. Se solo potessi avere l'occasione di parlargli! Quando ho letto di lui ho voluto sapere cosa lo ispirava, chi era, come era diventato ciò che era, com'era l'anatomia della sua arte manuale. Queste sono le cose che mi interessano e non con chi ha cenato ieri sera o per quanto tempo si è esposto al sole!

O - Quanti interventi di chirurgia plastica hai fatto?

M - Molto, molto pochi, si possono contare su due dita. Diciamo così: chi vuole saperne di più fa parte dei curiosi di questo mondo (sorride)

O - Va bene, Michael! Ci è stato detto una volta e non c'è bisogno che lo ripeti.

M - Leggi il mio libro "Moonwalk", è scritto tutto nel mio libro. Diciamo così: se tutte le persone di Hollywood che si sono fatte operare dovessero partire per una vacanza, la città rimarrebbe vuota.

O - Penso che potresti aver ragione!

M - Penso che ho ragione! (ridendo)

O - Hai fatto questi interventi perché nella tua adolescenza non ti piaceva il tuo aspetto?

M - No, erano solo 2, leggi il mio libro!

O - Allora non vuoi proprio raccontarmi niente? Ma effettivamente hai modificato il tuo naso?

M - Sì, ma questo lo hanno fatto anche molte altre persone!

O - Sì, ma quando senti tutto quello che dicono su di te e ne hanno dette tante ...

M - Non mi sono mai rifatto gli zigomi, non ho mai corretto gli occhi e non ho modificato le mie labbra, tutto questo è veramente follia. Ma questo succede tutti i giorni ad altre persone!

O - Ora sei contento del tuo aspetto?

M - In effetti non sono mai soddisfatto di niente. Sono un perfezionista, fa parte della mia natura.

O - E quando ti guardi allo specchio, ci sono giorni nei quali ti dici: oggi mi piaccio!

M - No, in effetti non mi piaccio troppo (ridendo). Cerco di non guardarmi allo specchio e di fare il mio lavoro, perché quello che vedo riflesso in genere non mi piace.

O - Devo domandarti una cosa di particolare. Tante mamme tra le mie telespettatrici hanno chiesto perché ti tocchi sempre tra le gambe?

M - (scoppia a ridere) Perché mi tocco tra le gambe?

O - Sì, pensano che succeda qualcosa tra le tue gambe!

M - Penso che succeda inavvertitamente. Quando ballo, penso di interpretare i suoni della musica. Se il basso stabilisce il ritmo, divento un basso, quando suona un violoncello o uno strumento a corde ci si muove lievemente, si trasforma l'emozione che c'è nei suoni. Perciò quando eseguo un movimento e mi tocco tra le gambe, è la musica che mi costringe a ciò. Non mi tocco consapevolmente e ciò non mi procura piacere, non rifletto, il movimento viene così. Quando poi guardo le foto mi dico: hai fatto questo? Sono perciò uno schiavo del ritmo.

O - (SUONA ALL'IMPROVVISO L'ALLARME DELLA CASA) Penso che sia scattato un allarme nella casa, ma non so il motivo, ma lo scopriremo presto. Poiché siamo in una trasmissione live, faremo un piccola pausa a dopo!

O - Quando si sono conquistati tutti i records, quando si è fatto il disco più venduto nel mondo, quando si è fatto il secondo disco più venduto del mondo, quando si sono conquistato tutti i records che si potevano conquistare, quando si è diventati un'icona dell'industria, si ha ancora la spinta per fare altre cose eccezionali?

M - Sì, certo, ogni volta diventa più difficile, poiché si cerca di rimanere originali e si cerca di non pensare alle statistiche. Tutto deve provenire dall'anima, dal cuore!

O - E quando pensi, come fai? Mediti? Pensi di fare un Superbowl?

M - (sospira) Creo le cose solo attraverso il mio cuore.

O - Ora vorrei dire a tutti che stiamo trasmettendo veramente live e che non abbiamo stabilito niente prima. Possiamo dirlo con certezza, infatti la casa non era preparata a queste luci e perciò è scattato l'allarme antifumo prima della pausa. E vorrei chiarire anche un'altra cosa. Un'altra diceria che circola nel mondo, è che io ho ricevuto la tua intervista, solo perché ho accettato contrattualmente di nominarti "KING OF POP" e vorrei chiarire che Michael non mi ha mai chiesto di nominarlo "KING OF POP". E fino ad ora non l'ho neppure fatto. Inoltre penso che il titolo "KING OF POP" per te sia troppo limitato. Il titolo giusto per te, e penso che la maggior parte delle persone siano d'accordo con me, sarebbe "Re dell'intrattenimento". Liz Taylor ha detto che sei il re del Pop, Rock, Soul e della musica. Che origine ha questa idea, nella quale tu ti definisci re della musica Pop?

M - Io non mi sono definito niente. Sono contento di vivere e di essere quello che sono. La definizione "KING OF POP" è stata usata per la prima volta da Liz Taylor durante una premiazione.

O - Un momento, abbiamo la registrazione, ora ce la guardiamo.

(FILMATO DI LIZ)

O - Allora, è iniziato tutto così?

M - Sì, tutti i fan in tutti gli stadi dove abbiamo cantato e suonato hanno portato degli striscione enormi con quella scritta. Ci sono state anche giacche, magliette e davanti al mio albergo i fan si sono messi a urlare tutti insieme "KING OF POP" ! Così è successo in tutto il mondo.

O - Ma tu non mi hai mai ordinato di chiamarti "KING OF POP" ?

M - No, naturalmente (ridendo) perché avrei dovuto ordinarti una cosa simile?

O - Allora non lo farò nemmeno!

M - Penso che la stampa tenti sempre di creare delle noie, perciò ve lo dico di nuovo di non leggere certi giornali, è tutta una follia!

O - Esci con qualcuno, hai degli appuntamenti?

M - Sì.

O - Con chi esci?

M - Proprio in questo periodo con Brook Shields.

O - Mhm ! ! !

M - Cerchiamo di non apparire insieme così apertamente. Solitamente ci vediamo a casa sua o a casa mia. Non mi piace essere esposto al pubblico.

O - Sei stato innamorato?

M - Sì.

O - Di Brook Shields?

M - Sì. E anche di un'altra ragazza! (sorridendo)

O - Ora devo farti una domanda imbarazzante, ma te la faccio ugualmente. Sei vergine?

M - (sorridendo, nascondendosi un po' il viso e decisamente imbarazzato) Come si fa a domandare certe cose?

O - Vorrei saperlo!

M - Sono un gentiluomo!

O - Ah, tu sei un gentiluomo?

M - Sì, sono un gentiluomo!

O - Io direi che tu pensi che una lady è una lady ...

M - E che è una cosa privata della quale non voglio parlare. Puoi pensare che sono all'antica, ma per me sono cose molto personali.

O - Allora non vuoi rispondere alla domanda?

M - E' imbarazzante! (ridendo)

O - Allora, nessuna risposta! Vorremmo sapere se c'è la possibilità che tu un giorno ti sposi e che abbia dei figli?

M - Penso che la mia vita non sarebbe completa se non lo facessi. Io amo la famiglia, amo i bambini e tutto quello che ciò comporta. E' uno dei miei sogni, ma per il momento non posso realizzarlo, perché sono già sposato. Sono sposato con il mio lavoro, con la mia musica e per fare il mio lavoro come lo faccio io è necessaria una congiunzione così stretta.

O - Com'è la donna dei tuoi sogni? Nei video le abbiamo viste e c'è un passo nei tuoi testi che dice che qualcuno deve spegnere i tuoi desideri.

M - (cantando: quench my desire ...) Sì, Brook, mi è sempre piaciuta. Quando ero piccolo sono stato tanto tempo a casa di Diana Ross. I miei fratelli ed io siamo stati da lei per anni. Non l'ho mai detto, ma sono stato sempre segretamente innamorato di lei.

O - Veramente?

M - Sì.

O - Ho sentito, ed è un'altra diceria che circola, che hai proposto a Liz Taylor di sposarti.

M - (ridendo) Liz Taylor è fantastica. E' molto bella ancora oggi ed io sono pazzo di lei.

O - Sì, ma le hai chiesto di sposarti?

M - Avrei voluto farlo volentieri!

O - Liz Taylor è qui. Per piacere pregate Liz di venire qui da noi. Liz ha detto che voleva essere qui per tenerti la mano durante l'intervista, ma non sembra che tu ne abbia bisogno. (Rivolta a Liz) Michael ti ha chiesto di sposarlo?

Liz - (sghignazzando) No, e neanche io gli ho mai chiesto di sposarmi.

O - Per te cosa viene frainteso di più di Michael?

L - Tutto quello che hai già detto. E' la persona meno strana che io conosca. Ma è molto intelligente, intuitivo, comprensivo, simpatico, generoso, praticamente di ogni cosa ha già troppo e se ha delle qualità eccentriche è dovuto alla sua grandezza e molte persone non riescono proprio ad accettarlo e a capirlo. E' Il suo talento sul palcoscenico, che mi ha indotto a chiamarlo re del Pop, Rock, Soul e della musica, è così enorme, che nessuno sa scrivere i testi delle canzoni come lui, comporre la musica come lui, creare quella tensione che sa creare lui.

O - E perché pensi che siete così buoni amici. Cosa vi ha portato a ciò, che molte persone trovano strano?

L - Io non trovo che sia strano. La nostra infanzia è molto simile, perciò questo già questo ci unisce. A 9 anni ero già una bambina prodigio ed avevo un padre severo e questo ci ha unito nella nostra amicizia.

O - Poi farò a Michael la stessa domanda. Cosa vuoi comunicare di urgente al mondo che riguarda Michael?

L - Quale meraviglioso, generoso e affettuoso uomo lui sia, e come sia buono!!

O - E' anche divertente?

L - Sì, molto divertente! Ma per prima cosa è un uomo molto buono!

O - Dopo la pausa Michael non ci farà solo visitare il suo favoloso parco di divertimenti e il suo teatro, ma ci farà una dimostrazione del suo famoso passo "Moonwalk", così tutti quelli che pensano sia un trucco con degli specchi avranno la prova del contrario.

FILMATO

O - Per prima cosa vorrei descrivere dove ci troviamo. Abbiamo lasciato la casa di Michael a circa 100 metri e stiamo andando in questo meraviglioso parco di divertimenti. Quasi non posso credere a quello che vedo. Vorrei chiederti se hai fatto tutto questo per te o per i bambini che intrattieni?

M - Per me e per i bambini. Ogni 3 settimane vengono qui tanti bambini ammalati gravemente e qui i loro sogni si realizzano. Sono tutti bambini malati di cancro agli ultimi stadi. Questi bambini vengono qui e io li intrattengo.

O - Per chiarire dirò che non sono piccole giostre, ma delle giostre bellissime in grandezza naturale. C'è di tutto, ed è tutto veramente ... al bacio!

M - Grazie!

O - Qui vediamo allora il bambino che è in te.

M - A me piace molto andare in giostra!

O - Hai potuto andarci da bambino?

M - In effetti no, solo qualche volta, ma non spesso.

O - Ed ora recuperi? Quante volte vieni qui?

M - Ogni volta che sono a casa vengo qui e salgo sulle giostre con loro.

O - Quello che vediamo qui è una parte di te. Da bambino hai perso molte occasioni che normalmente hanno i bambini ed ora le recuperi.

M - Sì. Cerco di compensare la perdita, hai ragione.

O - Pensi di poter veramente recuperare tutto, provando le stesse emozioni? Sicuramente devi divertirti, ma il passato non torna!

M - Sì, mi diverto.

O - Ora entriamo nel teatro. A questo bancone di caramelle l'altra volta ho esagerato con gli assaggi. In ogni modo ci sono dolciumi per tutti i bambini. Quello che trovo in te così affascinante è l'aurea infantile che ci circonda. Hai sempre dei bambini intorno, giochi con loro, loro giocano con te come se tu fossi uno di loro, ma tutto ciò non è stato ideato da un bambino, non è stato costruito da un bambino, tutto questo è meraviglioso!

M - Sì, grazie, faccio tutto questo volentieri per i bambini. Cerco di imitare Gesù, ma con questo non dico di essere Gesù!

O - No, naturalmente!

M - Cerco di comportarmi come ha detto lui. Ha detto di essere come i bambini, di essere innocenti esattamente come i bambini e di osservare il mondo esattamente come i bambini. Tutto questo ha qualcosa di magico. Io amo tutto questo. Certe volte abbiamo circa 100 bambini con le teste pelate, ammalati di cancro, che corrono, si divertono e a me vengono le lacrime di gioia pensando che posso fare tutto questo per loro e ciò mi riempie di soddisfazione.


O - Quando siamo stati qui per la preparazione c'è stata una cosa che mi ha colpito particolarmente. Credo che ora ce la faranno vedere, perché abbiamo anche altre camere di ripresa. Ecco, queste stanzette dove ci sono dei letti incorporati nei muri. I letti per i tuoi bambini ammalati. Ho scoperto che devi amare i bambini proprio tanto per inserire certe cose nell'architettura della tua casa.

M - Sì, abbiamo bambini che devono ricevere le flebo, che non possono stare seduti. Sono lettini di ospedale, con un bottone possono essere regolati. Abbiamo uno spettacolo di clown, cartoni animati, illusionisti e tutto questo consente loro di evadere dal loro mondo ed entrare nel mondo della magia, il mondo che anche a me è stato negato.

O - Ora la prossima domanda. Pensi che se tu non avessi dovuto rinunciare a tutte le esperienze ed ai giochi dei bimbi di strada, ora avresti lo stesso rapporto con loro?

M - Penso che avrei ugualmente questo rapporto, magari non così forte, però non voglio che questo cambi. Così sono felice di potermi occupare dei bambini.

O - Ora sei felice? Sembravi triste da molto tempo!

M - Sì, per molti anni sono stato triste, ma ora sono felice, mi muovo nella giusta direzione, sono molto felice!

O - Cosa ti rende così felice?

M - La sensazione di poter dare. Ho fondato l'associazione "HEAL THE WORLD" perché voglio aiutare i bambini. Noi lavoriamo per questa associazione anche qui a Los Angeles. Abbiamo 3 obiettivi: umanizzazione dei bambini, sostenimento di un programma per piccoli e grandi fratelli e sorelle ed un programma di delucidazione contro l'abuso di stupefacenti. Jimmy Carter ci ha messo in contatto con un'altra organizzazione ed insieme viaggiamo di paese in paese, di Stato in Stato, siamo stati anche a Sarajevo...

O - Sì, abbiamo visto le tue fotografie in tutto il mondo. Prima dell'ultima pausa avevamo accennato ad un'altra diceria ed esattamente al fatto che tu useresti degli specchi nelle calze per eseguire il "Moonwalk". Che sarebbe pertanto un trucco.

M - No, non è vero.

O - Abbiamo già parlato di diverse dicerie e le abbiamo chiarite. Non ti ho ancora chiesto come fai ad immaginare i passi sentendo la musica. Da dove arriva il "Moonwalk"?

M - Il "Moonwalk" deriva da quei fantastici bambini di colore che vivono nei ghetti delle città interne. Il modo in cui si muovono ... sono dei ballerini fantastici! Loro creano quei passi, io li ho solo elaborati un po'.

O - Faccelo semplicemente vedere!

M - Oh, Dio, no, posso farvi vedere solo alcuni passi, vedi, sono movimenti come questo ... spingi ... riprendi dal fianco ...

O - Puoi farlo rivedere un po' lentamente? Bene, l'ho visto live, l'ho visto live !!! Questo allora l'hai preso dai bambini che te l'hanno fatto vedere.

M - Sì, penso proprio che siano dei ballerini fenomenali.

O - Quando sono stata qui per il filmino pubblicitario per il Superbowl...

M - Tu avevi proposto di farlo con me!

O - No, non ne sono capace. Proprio non so come si fa. La stampa ha scritto molte cose su di me, ma quello che è proprio vero è che non so ballare. Questa è la pura verità. Allora stavamo dicendo, che quando sono venuta per il filmino pubblicitario per il Superbowl, tu ti intromettevi sempre con i tuoi esercizi di ballo, con le tue coreografie.

M - Io non sono mai soddisfatto quando vedo quello che ho fatto. Gli altri dicono: ma è fenomenale! E' stato così anche per il 25° anniversario della Motown per il Moonwalk. Ho letteralmente pianto perché non ero soddisfatto.

O - Tu hai pianto alla festa del 25° anniversario della Motown? (stupita)

M - Sì, veramente. Solo quando quel piccolo bambino ebreo di 12 anni mi ha detto: è fantastico, come si fa a ballare così? Allora gli ho creduto e mi sono calmato, perché so che i bambini non mentono. Poi mi sono sentito proprio bene!

O - Ti sei sentito così bene che hai gridato "hi - hi" ? Io ora vorrei che tu ci cantassi qualcosa dal vivo.

M - Oh, no, cosa dovrei cantare?

O - Cosa ne dici di quel "hi -hi" ?

M - (CANTA "WHO IS IT" A CAPPELLA)

O - Fantastico!

M - Non volevo neanche farlo!

O - Era semplicemente meraviglioso. Torneremo subito con Michael Jackson "live". Ti voglio tanto bene!!! (lo abbraccia e lo bacia).

FILMATO

O - Prima si sosteneva che nei video delle canzoni era sufficiente vedere il cantante che cantava, poi sei arrivato tu ed hai cambiato letteralmente le cose. Sapevi cosa facevi quando hai incominciato?

M - Sì, l'idea era di realizzare una storia, un inizio, una parte centrale ed una fine. Come in un film, un piccolo film! E così abbiamo fatto. E' stato così per "Beat it", "Thriller", "Smooth Criminal" e per gli altri.

O - Quando guardi o ascolti qualcosa di tuo, un pezzo musicale, sai già cosa farai nel video?

M - Sì, a volte so già cosa farò.

O - Mi domando, e non lo saprò mai perché non so cantare, cosa prova una persona quando si trova su un palcoscenico con davanti una marea di persone che urlano il tuo nome. Mi ha molto colpito come reagisce la gente quando ti vede. Per preparare questa intervista ho dovuto praticamente guardare tutto quanto ti riguarda. La reazione che provochi praticamente in tutto il mondo è incredibile. Perciò quelli che non hanno mai avuto l'occasione di vedere come reagisce la gente alla vista di Michael Jackson, possono guardarsi il prossimo filmato.

FILMATO

O - Allora quando sei sul palco e davanti a te c'è quella marea di persone, e tutti gridano il tuo nome, che impressione hai?

M - Di amore! Si sente tanto amore ed io mi sento benedetto ed onorato di essere stato scelto dalla natura come uno strumento per trasmettere questo sentimento. Mi sento veramente molto onorato e ne sono molto felice.

O - Uno strumento della natura! E' un'espressione veramente interessante di te stesso. Tu sei spirituale

M - In che senso?

O - Capisci, c'è qualcosa più grande di te ...

M - Io credo in Dio, molto anche!

O - Penso che ognuno venga al mondo per un motivo, certi lo cercano per tutta la vita. Com'è per te? Qual'è il tuo fine?

M - Qual'è il mio fine? Oh, ragazzi, cerco di trasmettere molto di me, con la mia musica, i miei balli, mi sento responsabile verso la mia arte. Alla fine si deve stabilire un collegamento tra spirituale e materiale, tra umano e divino. Questo è il motivo dell'esistenza dell'arte ed io sono stato prescelto come strumento per trasmettere la musica. Dare al mondo amore e armonia. Ai bambini di tutte le età, agli adolescenti, agli adulti, a tutti!

O - Pensi che le persone una volta ascoltata questa intervista siano in grado di giudicarti meglio in base alla tua musica e non in base ad altre cose?

M - Sì, lo spero proprio, mi piacerebbe molto.

O - Sì, lo spero anch'io. Trovo che sia favoloso che il mondo ci guardi e poiché siamo in compagnia di tutto il mondo, penso che sia il momento migliore per trasmettere la prima mondiale del tuo nuovo video "GIVE IN TO ME."

VIDEO

O - Ci piacerebbe sapere, come si arriva ad una cosa del genere partendo da appunti su un pezzo di carta .

M - Give in to me ... Sì, io volevo scrivere una canzone eccitante, come "Beat it" o "Black or White". Slash voleva tutta un'altra cosa. Noi amiamo gli animali! Lui voleva suonare la chitarra e così ci siamo messi insieme, siamo andati in Germania ed abbiamo registrato il video. Le riprese sono durate solo due ore, perché non avevamo tempo in più da dedicargli. Volevamo che fosse eccitante, fantastico, con i fans, come in un concerto rock. E questo è il risultato.

O - Hai parlato di animali e tutti si chiederanno, ma dove sono gli animali? Pensavamo di vedere saltare tanti scimpanzè qua e là, dov'è Bubbles?

M - Gli animali sono dappertutto nel ranch. Di giorno escono ed hanno le loro zone preferite, dove vivono e giocano.

O - Perché gli animali ti affascinano tanto?

M - Perché negli animali trovo le stesse cose che trovo così meravigliose nei bambini e che sono così belle. La purezza, vogliono solo che tu gli sia amico e questo lo trovo così dolce!

O - Avevamo pregato la ABC di concederci 90 minuti, ma ora forse non ci bastano. Siamo stati in tutta la casa, la camera ad ossigeno non l'abbiamo trovata, cosa ne dici di toccare in mezzo alle gambe? (ridendo)

M - Sì, se la musica lo richiedesse!

O - Oh, non abbiamo detto nulla sulla festa di insediamento del presidente Clinton. E' vero che pretendevi di essere l'unico cantante?

M - Questa è veramente la storia più stupida che io abbia mai sentito. Perché avrei dovuto esserci solo io? E' una idea così stupida, è pazzesco! Non è nel mio cuore! Certe cose non le sento. Questa storia l'ha inventata qualcuno e tutto il mondo dovrebbe crederla?

O - Cosa dovrebbe sapere il mondo di te?

M - Cosa dovrebbe ricordare il mondo di me?

O - No, per cosa vuoi essere conosciuto ora!

M - Vorrei essere riconosciuto come un grande artista e che per questo tutti mi amino. Vorrei essere amato in tutti i posti in cui vado. Io amo tutte le persone, di qualsiasi razza siano dal profondo del mio cuore.

O - Un critico una volta mi ha chiesto la seguente cosa: Tu ora hai 34 anni, quali certezze hai nella vita? Cosa sai perfettamente?

M - Cosa so perfettamente?

O - Sì, cosa sai perfettamente? Di cosa sei sicuro?

M - Mio Dio, io imparo sempre. La vita per me è una continua educazione e processo do formazione. Non so niente perfettamente.

O - Ti ringraziamo per averci ospitato. Ti auguro veramente tanta fortuna, e quando questa intervista sarà finita e tutte le persone ti ameranno, allora io andrò in quel favoloso parco, andrò sulle giostre, mi divertirò e mangerò un pacchetto di pop-corn. E forse quando tutto sarà finito mi farai di nuovo vedere quel passo, il "Moonwalk", quel passo di prima, che mi ha proprio divertito!

M - OK !

16 commenti:

  1. Quest'intervista è BELLISSIMA !!
    Grazie per averla postata.

    Michael resterà per sempre !

    Koda

    RispondiElimina
  2. Che bella quest'intervista!!!!....penso che anche se vecchia(16 anni)fosse tutt'ora molto attuale!!Grazie per averla postata!!...GRAZIE MICHAEL..in quest'intervista eri come ti ho sempre immaginato!!!Sarai sempre IL PIU'GRANDE!!!
    Ale

    RispondiElimina
  3. è un uomo molto amato dal pubblico.
    Per assurdo aveva bisogno di una cosa molto semplice. Affetto e amore.
    Quello quotidiano, persino banalizzato da chiunque di noi, perchè vicino, immediato, scontato.

    Michael è stato un essere sensibile e buono.
    Spero che sia in un posto in cui adesso sia felice e sereno.
    A noi ha dato tanto. Le cattiverie nascono da un invidia profonda, perchè pochi doi noi oggi sono così oneste e pure.

    Michael ti amiamo tutti. Grazie per la tua arte.

    Cristina

    RispondiElimina
  4. Grazie per averci dato la possibilità di leggere questa bellissima intervista.Michael era e rimarrà per sempre l'Amore di tutti noi,ha dato la sua vita per la nostra felicità e noi lo porteremo sempre nei nostri cuori.Cerchiamo di esaudire il suo desiderio più grande:PACE E AMORE IN TUTTO IL MONDO! Michael,ovunque tu sia ti abbraccio forte forte e ti mando tanti baci per farti compagnia,non sei mai stato solo e mai lo sarai,le nostre anime sono con te perchè TU SEI LA NOSTRA ANIMA. Aly

    RispondiElimina
  5. Scusami Michael,
    perchè ho imparato a conoscerti solo adesso che ...non ci sei più. Prima ti conoscevo per la tua musica, per le tue performances... adesso ho imparato a conoscerti come persona umana e...mi sarebbe piaciuto poter essere tua amica.
    E'incredibile come si possa sentire così vicina una persona!
    I love you so muche. Smile Michael

    RispondiElimina
  6. un intervista davvero bella grazie x averla inserita!! ;) solo peccato che non era in video..=( potete mettere qualche intervista in video?? anche qualcuna corta corta...ci tengo!! *_* comunque spero che michael sia in un posto più bello di questo mondo...che lo ha maltrattato per tanti anni dicendo tante falsità sul suo conto...per esempio coome si può pensare che aveva sul serio una camera ad ossigeno per non invecchiare??!! assurdo...davvero ASSURDO! Spero smettteranno di dire cattiverie sul suo conto... almeno ora che è morto...e cominceranno ad eloggiarlo solamente...perchè riconosciamolo...michael è stato ed è perchè è sempre e comunque in mezzo a noi, un uomo con un grande cuore...un uomo genitle e che tutto quello che ha fatto lui non lo ha fatto mai nessuno...quindi...i paparazzi...idioti...si vergognino di quello che hanno fatto...perchè hanno solamente rovinato una vita...una grande vita...perchè altrimenti michael non sarebbe morto...perchè non avrebbe preso tutti quei farmaci...vergognatevi....perchè a quest'ora era qui con noi...a deliziarci con le sue innumerevoli e meravigliose canzoni che rimarrano per sempre nella sotria! I <3 U MICHAEL....R.I.P.
    JACKO...

    RispondiElimina
  7. davvero un' intervista bellissima
    WE LOVE YOU; MICHAEL!!!

    RispondiElimina
  8. qst intervista è mlt bella! Michael 6 dolcissimo e purissimo, tt mi ha ft tenerezza! il tuo mondo k hai creato x i bambini tt ql k hai ft x loro vorrei tnt esser venuta io da bambina (k nn risale a mlt tempo fa) nl tuo parco a giocare cn te! è sorprendente qnt i bambini siano puri! io ora ho 17 anni nn è passato mlt tempo da qnd ero una bambina e anke io ero così, e sn allibita x qnt qst mondo mi stesse cambiando! Stavo xdendo tt! stavo diventando maliziosa, falsa, e diffidente nei confronti di tutti xk qst mondo mi aveva incattivita! ma tu Michael mi hai aperto gli okki e riportata a quei tempi in cui tt era + bello tt era puro! sn felice k tu mi abbia ft capire! sn felice! k tu mi abbia ft capire i valori! ti amo Michael grazie di tutto!

    RispondiElimina
  9. Questa intervista è stupenda,la adoro,lui rispondeva con sincerità a tutte le domande,era ed è ancora un uomo fantastico perchè nn credo proprio per niente che sia morto,non voglio crederci!!!Michael sei il mio unico vero amore ti adoro
    By Fiona Jacksina

    RispondiElimina
  10. in quest'intervista Michael non teme - come al solito - di uscire allo scoperto e di sbandierare il suo amore per i bambini, la terra, gli animali. Troppo buono (ha ragione Liz) per un mondo dove impera il cinismo, infatti è stato colpito nel posto più vulnerabile: il suo amore per i bambini. Adorabile poi per l'imbarazzo che dimostra parlando di verginità: un vero Lord! Avevo già letto altre volte l'intervista, ma rispolverala è sempre un piacere!!

    RispondiElimina
  11. Parole sante, Mike.. Non si ha mai finito di imparare! I <3 U! Ciao a tutti..

    RispondiElimina
  12. E' pazzesco come quest'uomo fosse sensibile ed intelligente.. A volte anche a me viene da piangere a pensare a tutti quei bambini malati, o poveri, o che soffrono la fame..io per loro cosa posso fare? Tutto quello che posso dar loro finora è il mio amore.. un giorno adotterò due bambini.. e due a distanza, andandoli a trovare ogni tanto. Sarà bellissimo vederlo felici, come è bellissimo vedere quel sorriso innocente sul viso di Michael. Ti amiamo tutti, anche quelli che finora ti hanno dato contro, perchè in ogni cuore c'è posto per te.

    RispondiElimina
  13. DEBORA PER GLI ANIMALI30 dicembre 2010 04:15

    MICHAEL E' L'ESSENZA DELL'ARTE PIU'VERA E COMPLETA - CREATURA BENEDETTA,UNICA E SPECIALE,DALLA GENEROSITA'INEGUAGLIABILE - LA SUA AMMIREVOLE UMILTA' DOVREBBE ESSERCI DI GRANDE ESEMPIO -

    RispondiElimina
  14. oh mio dio quest'intervista è favolosa!!!!!...finalmente ho avuto la prova che michael è la persona che immaginavo, una persona semplice e con un cuore grandissimo!!!
    OH MICHEL SEI UNICO TI AMO!!! MI MANCHI TANTISSIMO :'( TI AMO MIO DOLCE ANGELO!!!

    RispondiElimina
  15. Michael sei meravigliso davvero , grazie di tutto meraviglia del mondo.

    I Love You More Michael forever.

    Mi manchi troppo.

    Heal the world always , change the world.
    Love is Michael
    Michael is love

    RispondiElimina
  16. MICHAEL SEI UNA MERAVIGLIAAAAA

    RispondiElimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.