Intervista di Oprah alla famiglia Jackson

Parte 1


Parte 2


Parte 3


Parte 4

42 commenti:

  1. E' difficile commentare questa parete di intervista ho le lacrime agli occhi nel vedere la sua mamma che non riesce a parlare di lui perchè le fa troppo male,che sente ancora la sua risata e che lo ricorda appena nato quando gli è stato dato il nome michael,fa male a me immagino a una madre che è sopravvissuta al proprio figlio,non riesco a dire altro sono molto turbata e commossa faccio fatica a ordinare i pensieri nella mia testa
    Scusate
    Vi voglio bene
    Mary63

    RispondiElimina
  2. Come ti capisco Mary63, fa davvero male al cuore tutto ciò, una madre che sopravvive al proprio figlio... è dura da immaginare e sopportare... già noi soffriamo per la sua perdita... pensa lei che lo ha cresciuto, che ha vissuto con lui, che lo ha amato come solo una madre può fare... è straziante... Michael perchè te ne sei andato... perchè adesso...
    ti amo tanto cucciolo mio, immagino le tue risate... e non posso che sentire un tuffo al cuore...
    Lin.

    RispondiElimina
  3. bhe, non posso commentare le parole di una mamma così splendida come katherine. quando le vedevo l'espressione del viso deformarsi, assumere quel dolore di quando si sta x piangere....bhe,ho detto:-oddio mio,ma che cosa hai fatto?chi hai portato via?-e me lo continuo a ripetere.ma può esistere QUALCUNO se poi fa certe cose???


    michael io non ti vedo come la tua mamma,un'immagine, ma cedo te,il tuo spirito,la tua personalità.non ti vedo nero o bianco,di quello non m'importa.vedo un'angelo sceso qui,con noi,che mi ha dato tutto. sì,anche a me. e a voi. a tutti. anche chi non l'ha saputo amare.

    amore,tesoro,re,angelo non smetti mai di essere nel mio cuore,ti sei fatto una posizione fissa.ti amo

    RispondiElimina
  4. E' vero , e' sempre straziante sentire il racconto di una mamma sopravvissuta al proprio figlio. Che teneri i ricordi di mamma Katherine di quando teneva in braccio il piccolo Michael , di quando scherzava con i propri fratelli , quando ancora neanche lui immaginava CHI mai sarebbe diventato da li a poco ....
    Comunque di questa intervista la cosa da cui sono stata più colpita ed attratta e' l'immagine di mamma Katherine . Continuavo a fissarla e non potevo fare a meno di vedere Michael ..lo stesso modo di porsi , così gentile e garbato , lo stesso tono di voce , lo stesso stile piuttosto ermetico nel formulare le risposte .. e poi la somiglianza del volto , gli stessi zigomi , la stessa bocca , la stessa forma dell'attaccatura tra il naso ed il labbro superiore della bocca ....
    Si lo so che state pensando che non sono normale , ma e' stato più forte di me , ho cercato in lei tutto quanto mi potesse ricordare Michael , una sorta di desiderio o forse di bisogno di ridare vita a Michael attraverso mamma Katherine .
    Michael mi manchi , sempre più ....

    Ragazze un abbraccio forte a tutte , !!
    Denise

    RispondiElimina
  5. Ragazze !!
    Oggi ho trascorso l'ora di pranzo con SCHELLY ed una sua figlia . Ci siamo divertite come matte !!
    Poi mi ha di nuovo riempita di regali jacksoniani e tra questi un altro quadro con lo splendido volto di Michael : spettacoloooo !!!!
    Il mio " Angolo dell'Amore " a casa ora sarà ancora più ricco ed io sono la persona più felice del mondo !!
    I love you , Schelly , grazie di esistere !!!

    Denise

    RispondiElimina
  6. come è bella kathrine =) è proprio una donna molto dolce...ecco da chi hai preso piccolo mio=)
    è meraviglioso vedere come parla di michael , ed è commovente vederla emozionarsi e tal punto da non riuscire più a parlare...so cos'è...è quel maledetto nodo in gola che ti viene quando vuoi piangere ma non puoi...fastidioso come non mai...
    ma quanto amore c'è in quella dolce signora????
    concordo con voi quando dite che è doloroso sopravvivere ad un figlio... ho sentito tanti dire che ad un figlio non si sopravvive...che è difficile...però lei ce la deve fare....x noi,xlui,per i 3 angioletti che michael ci ha lasciato e x far capire al mondo chi era lui veramente ...

    (sei un furbacchione però eh!!! alla faccia dei 2 interventi !!! hehehehe vabè...tanto x me sei bello sempre e comunque!!...)
    sapete,ho il calendario di mike in camera mia e c'è lui che ha la mano in primo piano...il palmo della mano rossastro,bello,largo e ampio...e ogni volta faccio il "batti 5 " prima di andare a letto=)jhahahahha (non sono pazza) Hai anche le mani belle orsacchiotto mio=)!!!!!

    All you need is love
    chiara

    RispondiElimina
  7. chiaretta!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


    pure io ho quel calendario,sai!!!!!!!


    ciao mike,ti amo un m0ndo!! come ha detto chiaretta batti il cinque!!!(lo faccio sempre anch'io!!)

    RispondiElimina
  8. Per Denise
    Io non credo che tu sia pazza,perchè guardando le espressioni del volto di sua madre,il modo di muovere gli occhi,le sue movenze,il modo in cui risponde è impossibile non trovare la stessa serenità e delicatezza che si riscontra nelle interviste di Michael.
    Credo sia impossibile per qualunque madre continuare a vivere avendo perso un figlio,è contronatura,ma purtroppo non ci è dato scegliere,e chi resta secondo me continua la propria esistenza sopravvivendo e non più vivendo.
    Lo abbiamo noi nella mente ogni momento,ma ci si può immaginare cosa c'è nella mente di unaa madre?
    Spero che i suoi nipoti riescano a colmare un minimo quel vuoto,perchè lui vive in loro e guardando loro forse potrà trovare quella dolcezza,bellezza,bontà d'animo che Michael gli ha trasmesso e che loro avranno sempre dentro di loro.
    Dolci bambini,che l'amore di vostro padre vi accompagni per sempre,spero di non vedervi in questa intervista,non credo che lui avrebbe avuto piacere,ma se ci sarete,sò che sarete i degni figli di vostro padre,sicuri,sinceri,dolci,amorevoli e direte a tutti che amore di padre era il vostro e quanto amore avete ricevuto da lui.
    Riposa in pace angelo mio e veglia su di loro sempre.TI AMO INFINITAMENTE
    LORE

    RispondiElimina
  9. che meravigliosa donna straordinaria che é!!!!
    é vero assomiglia tutta al nostro meraviglioso michael!!
    quando ho visto l espressione del suo volto mi si é stretto il cuore!! non vedo l ora di vedere il seguito.....grazie
    linda

    RispondiElimina
  10. Si.....penso che il dolore più grande x una mamma è dover dire addio ad un figlio.......ancora di più se era un figlio dolce, tenero, amorevole,e tutto quello che sappiamo come Michael.
    Ricordate di quando vi ho parlato di Michele...era il mio parrucchiere ed è morto a 30 anni x un incidente stradale per non prendere sotto l'auto un cane è morto contro un muretto....ebbene la sua mamma che credevamo morisse veramente x il dolore ancora oggi dopo 13 anni, ha ancora il suo giubbotto buttato sul divano come aveva lasciato lui....i suoi abiti sono ancora tutti nell'armadio, le chiavi del negozio su mobile in entrata....sembra che il tempo non sia passato....tutto è ancora lì come se all'improvviso dovesse tornare cancellando gli anni, i giorni e le ore della sua mancanza. Un'attesa che si rinnova ogni giorno appena apre gli occhi al mattino.......ascoltare tutti i rumori e magari sentire il campanello suonare ...dire chi è? ed una voce rispondere ......sono Michele mamma!!!
    Troppo, troppo grande questo dolore.........per riuscire a non impazzire!!!!

    Schelly 13mj

    RispondiElimina
  11. Proprio stamane, mentre leggevo la posta di Chicca, pensavo di inviarle uno degli ultimi versi della poesia "Supplica alla madre" di Pasolini:
    Ti supplico, ah, ti supplico: non voler morire.
    Sono qui,solo, con te, in un futuro aprile..."
    Che strana coincidenza qui, come nel post, c'è una madre che sopravvive al figlio!!!
    Probabilmente anche Michael, come Pier Paolo, chissà quante volte ha tremato al pensiero della morte della madre.
    Morire prima di noi è l'unico grande "torto" che un padre e una madre fanno ad un figlio, ma rientra nell'ordine naturale delle cose, quando succede il contrario invece è una vera e propria tragedia.
    "Torto" che può anche trasformarsi in un "dono", in un insegnamento, l'ultimo che un genitore dovrebbe offrire al proprio figlio:quello di saper affrontare serenamente questo inevitabile momento dell'esistenza.
    Michael non ha avuto questa possibilità, chissà, mi chiedo spesso, se in quel momento ha capito che doveva andarsene...se ha avuto la consapevolezza...se ha cercato l'aiuto di qualcuno...
    Penso che Katherine si ponga spesso le mie stesse domande...e se la mia tristezza è tale riesco a immaginare la sua.
    E' vero quello che dite, lui le somiglia in modo straordinario.
    Quando muore un figlio, muore per sempre una parte di te.
    Non credo ci siano parole di conforto per una madre che sopravvive alla propria creatura.
    Spero solo che sia a conoscenza dell'amore che tutto il mondo riversa riconoscente ancora su di lui, e che questo le sia di consolazione
    I love you

    RispondiElimina
  12. Ho appena guardato al tg una madre che ha perso tragicamente la figlia e non a caso è della stessa religione della mamma di Michael.
    E' la mamma di Sara,che con una calma,una serenità,una pace d'animo ha parlato degli assassini di sua figlia con parole di "PENA" per loro,non il perdono,ma nemmeno il giudizio sulle persone,ma soltanto sulle loro azioni.
    Una serenità dovuta alla sua grande fede la quale le dà la certezza della risurrezione e la certezza di rivedere la figlia viva.
    Affrontare una tragedia di questo genere con un cuore così aperto,con questa serenità e con queste certezze,fa onore a questa madre,che trova coraggio grazie alla sua fede,non credo che molti,compresa io,avrebbero reagito così.
    Sicuramente le due madri sono sulla stessa lunghezza d'onda,almeno nella certezza di riabbracciare un domani i propri figli.
    Sentire le parole della madre di Sara mi ha lasciato però un pò stranita...devo metabolizzare certi pensieri che non è facile accogliere nella mia mente,perchè quando ti toccano un figlio innocente comprendere ed attendere in unfuturo sperato,ma non certo,mi rimane ancora inaccettabile!!!!
    LORE

    RispondiElimina
  13. Una madre che si soffoca parlando di suo figlio...una sensazione che e' data da tante cose emozioni in una volta...il dolore per averlo perso,la rabbia perche' non e' stato capito,le ingiustizie che ha dovuto sopportare,quel velo di mistero che non l'ha mai abbandonato..lo stesso velo che questa madre vorrebbe togliere una volta per tutte per mettere a tacere ogni cosa....!!!!!!ci prova infatti..lo fa con un libro...e' una donna che non si e' mai arresa e tutt'ora combatte per far morire nella vargogna chi ha gettato fango sul suo piccolo MICHAEL..!!!!!stimo e adoro questa donna per il coraggio che ha...cio' cha dice per me e' oro colato...

    LITTLE GHOST...!!!

    RispondiElimina
  14. che bellooooooooooo
    ho visto la parte di intervista in cui parla con i figliiiiiii di michaellll=)
    ok..sono agitata e emozionata
    lo so che mi penserete matta ma io quei tre scriccioli li adoroooo =)
    ho capito qualcosina (xk era in inglese) e paris ha detto che era il miglior cuoco e che era bravissimo a far da mangiareee
    chi se lo aspettava??? sapevo che cucinava ma che fosse anche così bravo non me lo aspettavo=)
    e ho anche indovinato giusto su prince I ...non so se ho capito bene ma secondo me vuole fare il regista...ok...forse sono pazza
    scusate ehhehe
    abbiate pazienza ehhehe
    scusate scusate scusate XD

    RispondiElimina
  15. CHIARETTA non sei pazza, i tre ragzzi di michael sono davvero troppo carinii!!!! ma dove hai trovato il video???
    e tu giovanni non ce lo potresti postare????ti prego ti prego ti pregoooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  16. Per Luli

    I video dell'intervista di Oprah li trovi su You Tube, naturalmente non sono sottotitolati e l'intervista è divisa in 3 parti(non in 4 come quelli che ci tradurrà Marianna Sarte): nella terza parte ci sono i figli di Michael e sono adorabili, Blanket è così timido, fanno una tenerezza infinita!!!
    Ciao1
    Michael, I miss you so much!!!!!!!

    RispondiElimina
  17. A stento sono riuscita a leggere la traduzione... troppe sono le lacrime che mi scorrono in questo momento e che sento dentro... appena hanno ricordato quel maledetto 25 giugno non ci ho visto più...
    sarà un dolore che mi accompagnerà sempre penso... sarà illogico soffrire così per uno "sconosciuto"... ma troppe sono le affinità con te Michael... troppo grande è questo amore... troppo dolore... e questo non finirà... sarà così... perchè ti amo Michael e non riesco ad accettare tutto quello che ti è successo... lo trovo ingiusto, inconcepibile... un uomo così dolce, con pregi e difetti, naturalmente... però così immensamente dolce... non posso che amarti per sempre.
    Lin.

    RispondiElimina
  18. no. no. non lo accetto, non lo voglio accettare. sto piangendo,michael, forse già lo sai. voglio che ritorni indietro. e subito. ti rivoglio subito qui. torna michael, x favore X FAVORE!!!
    mi si è spezzato il cuore nel sentire che paris ha detto:-papà senza di te non ce la faccio voglio venire con te-. ha detto:-voglio venire con te-.
    oddio,accecata dalle lacrime. dio,se esisti rifallo tornare indietro,ne abbiamo bisogno più noi. x favore.


    michael i want you back
    i love you

    RispondiElimina
  19. la senconda parte dell'intervista mi uccide...!!!!sapere che i piccoli piangevano insieme alla nonna...e paris che pronunciava quelle parole...O MIO DIO...il dolore e' immenso...!!!!i processi,quel maledettissimo giorno...perche' tutto questo PERCHEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE?????
    MICHAEEEEEEEEEEELLLLLLLLLLLLLLLL........PERCHE'????TORNA AMORE MIO TORNAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA!!!!!!!!!
    E' IMPOSSIBILE LA VITA SENZA TE!!!!

    little ghost....!!!!

    RispondiElimina
  20. E' troppo commovente questa intervista, ecco perchè Giovanni ce la dai a piccole dosi!
    Che colpo al cuore quando alla richiesta di Katherine se Michael ce l'ha fatta le viene risposto:"No, he's gone"!
    E quando dice che aveva paura che Paris svenisse perchè continuava a ripetere al suo papà che non ce la poteva fare senza di lui e che VOLEVA ANDARE CON LUI!!!!!
    Mi si sono riempiti gli occhi di lacrime e ho dovuto trattenere un singhiozzo per non mostrare a mio marito (che guardava la TV poco più in là) quanto fossi commossa e profondamente turbata.
    E quando Katherine racconta di quella volta che aveva chiesto a Michael se era vero che abusava di farmaci e in tutta risposta lui (che la adorava) le aveva tuttavia mentito continuando a ripetere:"Mia madre non mi crede!" "Mia madre non mi crede!" Ecco a cosa lo aveva portato la dipendenza dai farmaci!!!
    Povero Michael, quanto deve aver sofferto per essersi ridotto in quello stato!
    Basta, non ce la faccio più a continuare, mi fa troppo male.
    Ciao a tutte.
    Michael, I love you too much. You are in my mind, in my soul, in my heart and you'll be there forever!

    RispondiElimina
  21. Che tenerezza quando dice stavano processando il mio bambino,proprio cosi un bambino innocente.
    I love you Michael God bless you
    Mary63

    RispondiElimina
  22. Il 25 giugno 2009 è stato il giorno più strano della mia vita...

    RispondiElimina
  23. quando michael è morto io ero al mare. e rimpiango di essere stata al mare mentre tutti quelli che lo amavano, i suoi parenti i suoi amici e la sua mamma cm abbiamo visto, erano disperati per la cosa terribile e.. e.. non riesco a trivare altre parole per descrivere un fatto del genere. una morte in una famiglia fa sempre così male, e anche in questo caso, con la differenza che lui era michael jackson e per lui non ha sofferto solo la sua famiglia, ma tutto il mondo. e mentre ero li nella spiaggia mio babbo leggeva il giornale e dopo un po' sgrano gli occhi e poi me lo diede: lessi il titolo in grande e non dissi nulla. anche se ero così triste per lui e anche se mi sarei voluta mettere a piangere non lo feci perche io sapevo che ora lui era in pace. dopo tutto quello che aveva passato, accuse malattie medicinale, ora è lassu nel cielo calmo ad osservare forse noi che parliamo di lui con tnt amore.

    RispondiElimina
  24. mi gira la testa....e non so xk,ma credo che i sentimenti di questa dolcissima signora mi colpiascano al cuore......

    RispondiElimina
  25. scs luli se non ti ho risposto,comuqnue li trovi anche alla fine di questa intervista ,ci sono in fila tutti
    sono molto belli =)
    tvb
    bacioooo

    RispondiElimina
  26. non so come cavolo le ho trattenute tutte queste lacrime
    credo che avrei allagato il pigiamino...non so,davvero
    devi essere tu che mi aiuti piccolo mio..
    tanto sta notte mi sfogo ...e non credo che riuscirò a fermare tutte quelle piccole lacrime
    sapere queste cose fa tanto tanto male..
    xk?xk tutto questo? xk sono sempre i buoni a rimetterci? xk sono i buoni ad essere presi x sciocchi,sfruttati ..
    cavoli
    che mondo controverso
    buona notte a tutte
    vi voglio un mondo di bene

    RispondiElimina
  27. @Onlymichael
    Veramente è tutta colpa mia che le interviste arrivino a piccole dossi...mi dovete scusare. Ci metto tanto perché cerco sempre di tradurre tutto senza lasciare neanche una parola. E poi cosa molto importante, in un Italiano decente.È importante, perché i video messi in rete arrivano ovunque.
    sta notte ho caricato la terza parte, spero che Giovanni sia gentile di postarla per voi.

    Vi ringrazio tutte e vi abbraccio
    Mary

    RispondiElimina
  28. E' difficile postare un commento con le lacrime agli occhi ed una tristezza infinita nel cuore! Il racconto di Katherine è per me come un balsamo su di una ferita, un balsamo di cui non posso fare a meno, ma che mi fa bruciare e sanguinare ancora di più la ferita che non accenna a rimarginarsi, anzi peggiora sempre di più. Per me più passa il tempo e più il dolore per la perdita di Michael si acuisce. Che strazio quando dal racconto di Katherine senti tangibile l'intensità del dolore dei figli di Michael, quando Paris chiede alla nonna andando via dall'ospedale:"Dove andiamo?". Dev'essere stato devastante per dei bambini di quell'età vedere morire il loro padre e, con lui, svanire tutto il loro mondo da un momento all'altro!
    Una cosa che proprio non mi ha fatto piacere è sapere che i genitori di Michael non sono divorziati e che (a detta di Katherine) non divorzieranno mai. A parte ciò, questa è comunque l'ennesima dimostrazione di quanto sostenuto da Michael, e cioè che i media diffondono solo delle falsità. Dicevo però che avrei preferito che avessero divorziato perchè Joe non è degno di stare con una santa donna come Katherine e tanto meno convivere coi figli di Michael, dopo tutto quello che aveva fatto al loro padre e che ha avuto a tutta prima il coraggio di negare: solo lui può avere la faccia tosta di dire:"Io non l'ho mai picchiato, lo frustavo......"!
    E' stata forte Katherine a dire di rimando:
    "Ma è la stessa cosa" (picchiarlo o frustarlo)
    "Ma è peggio!" (quando Jo sottilizza sul significato delle due parole dicendo che non gli piace la parola picchiare ma preferisce la parola frustare)
    "Fai meglio ad ammetterlo!" (quando Joe nega ma viene inchiodato dalla testimonianza di Oprah a cui Michael l'aveva rivelato nell'intervista del '93).
    Bel modo ha avuto Joe di educare Michael e i suoi fratelli per farli crescere bravi ragazzi e tenerli lontani dai problemi!!
    Come mi fa male pensare a Michael che, così gentile e buono d'animo,
    è stato trattato tanto duramente dal padre. Altro che odiarlo!!

    Per MARIANNASARTE
    Hai fatto un lavoro davvero eccellente! A volte si vedono in rete certe traduzioni in cui la grammatica italiana chiede veramente giustizia! Grazie ancora per tutto il lavoro che fai, non sai quanto ti siamo debitrici.

    Un grazie particolare anche a GIOVANNI: lo sai che appena accendo il computer per prima cosa clicco sul tuo bellissimo blog che ho inserito tra i "segnalibri" per averlo sempre a portata di clic?

    Un saluto e un bacio a tutte: comincio a sentirmi parte di questa splendida famiglia e, grazie a voi e ai vostri commenti, riesco a trovare un po' di consolazione per la struggente nostalgia per Michael, nostalgia che a volte mi pare insopportabile. With L.O.V.E.

    Hi, Michael. I love you most. You are always in my heart, in my mind, in my soul, forever!

    RispondiElimina
  29. Per Giovanni

    Ho appena postato un lungo commento sulla terza parte dell'intervista di Oprah, ma mi ha dato errore, poi l'ho ripostato ma non è venuta la solita segnalazione. Spero che non sia andato perso perchè il testo ora non c'è più. Nel caso non ti fosse arrivato, c'è un sistema per ripescare il testo? Grazie

    RispondiElimina
  30. grazie mariannasarte grazie di cuore per queste meravigliose traduzioni..

    i love you Michael
    mary70'

    RispondiElimina
  31. Ma che "amore" che è Joe, proprio...
    Disgustoso, viscido, lurido immondo rifiuto!
    "no, non mi pento, era per tenerli lontani dal carcere"
    Certo, orripilante vecchiaccio! Anche mio nonno usava quei metodi con mio padre e i suoi fratelli, e adesso lui e io non ci amiamo a vicenda, perché mio padre ha preso molto da lui (in termini di tratti del viso) e io ho preso molto da mio padre (viso, voce, carattere, modo di pormi: se non altro gli occhi sono diversi).
    Complimenti, signor Jackson. Congratulazioni! Mi fai SCHIFO!
    Lui (Michael) era dolce, sensibile, adorabile! Lo hai traumatizzato a vita, gli hai reso impossibile un'esistenza normale, GLI HAI TOLTO LA DIGNITÀ! Perfino l'ultima delle cacche sa di valere qualcosa, ma lui no! Magari con una testa calda come mio padre o me la cosa funziona (anche se l'effetto si vede: vive nel terrore di scoprire di essere come il proprio, padre!) ma non certo con L'INFINITAMENTE DOLCISSIMO!

    Però Prince è davvero molto carino! E ha solo quattro mesi meno di me...

    Una molto incazzata, molto triste, molto malinconica e molto intenerita
    Elisa

    RispondiElimina
  32. Non è possibile commentare queste interviste senza dover asciugarsi prima le lacrime.
    Il dolore tangibile della mamma,le parole di Paris,lei piccola principessa con le foto del suo papà tutte intorno...chissà quanto piangerà senza che la nonna la veda!!!Quanto doòore trasmettono tutte queste parole e il vedere quel nodo alla gola che ogni momento attanaglia sua madre e allo stesso tempo la freddezza professionale(anche troppo ) di Oprah....ma come fa a rimanere così impassibile!!!!
    Se non ricordo male lei durante il processo del 2005 non si schierò a favore di Michael,anzi,gli dava addosso,non credo che lui sarebbe stato felice di vederla a casa di sua madre a fare domande ai suoi figli.
    Queste sono però soltanto chiacchiere in confronto al dolore che riaffiora sentendo parlare di quel maledetto giorno e del tormento che devono aver vissuto quei tre bambini che fino ad allora conoscevano solo Michael e il suo,il loro mondo.Un mondo che si sarebbe prima o poi scontrato con quello reale,ma non doveva certo accadere in questo modo!!!
    I LOVE YOU FOREVER MICHAEL
    guarda da lassù i tuoi stupendi bambini che ti porteranno sempre nel cuore come il più dolce dei papà e il più dolce degli esseri umani.
    Ti amo ancora angelo mio
    LORE

    RispondiElimina
  33. Non me la sento di commentare questa intervista, le lacrime scendono copiose nonostante l’avessi già ascoltata in originale, senza sottotitoli, appena uscita.
    Voglio solo ringraziare Marianna per il tempo che dedica a questo lavoro di traduzione. Ho apprezzato soprattutto il fatto di rendere i sottotitoli perfettamente leggibili su sfondo nero nascondendo anche quelle fastidiose news che passano durante l’intervista. Grazie.
    June

    RispondiElimina
  34. Ma come si poteva nemmeno pensare di alzare le mani su Michael... come si fa... non si educa con la violenza, con la paura... ma come si fa... Dio mio Michael, non riesco a smettere di piangere... è inutile, penso a te ogni giorno e forse non dovrei... sto tormentando la tua anima... ma non ce la faccio... mi sento morire quando ti penso solo e indifeso... così piccolo in balia di un padre padrone... non dovrei giudicare... non dovrei dire niente... perchè in fondo chi sono io? Nessuno... ma umanamente, come si fa a comportarsi così con dei bambini senza pensare alle possibili conseguenze... Michael tu meritavi solo amore, solo amore e tanta dolcezza... Dio mio, quanto ti amo, quanto mi manchi, quanto dolore sento ancora dentro... è mai possibile che tu mi scateni questa marea... incontrollabile, illogica, insensata forse... ma come faccio a non amarti, come faccio a non pensarti, dimmi come faccio?
    Ti amo così tanto da star male... quanto vorrei riportarti indietro ai tuoi figli... non posso nemmeno immaginare quanto dolore abbiano dentro al cuore...
    Michael eri unico e meraviglioso, ti immagino come un padre dolcissimo, attento, premuroso... non posso che amarti all'infinito per ciò, non posso che tenerti stretto al mio cuore.
    Michael amore mio, spero che tu da lassù riesca a stare in pace, riesca a vegliare sui tuoi figli che più di chiunque altro hanno bisogno di sentirti.
    Lin.

    RispondiElimina
  35. Ragazze, voglio dire che io sono di poco più giovane di Michael, e anche da noi in Italia si usava mooolto il metodo educativo della famiglia Jackson, sopratutto nelle famiglie numerose, dove uno dei due non riusciva a "mantenere" l'ordine...io ricordo mia mamma, per esempio, che un giorno ha rotto letteralmente una paletta di legno sul sedere di mia sorella! Non vi dico che lo giustifico, dico solo che allora si pensava che educare i figli volesse dire disciplina massima, anche a costo di usare metodi non molto leciti e che oggi ci farebbero accaponare la pelle...
    al contrario ora abbiamo molto timore nel tirare su i nostri figli e cerchiamo di risparmiare a loro ogni esperienza di dolore e di violenza ma penso che ad oggi posso dire che (come sempre) la posizione giusta stia nel mezzo e cioè: educare con amore e senza usare metodi truci ma con fermezza e determinazione per amore dei figli, dicendo anche tanti bei NO.
    P.S.
    Tra l'altro noi come famiglia siamo
    unitissimi e vogliamo tutti un bene dell'anima a mia mamma...scusate la lunghezza e ciao

    RispondiElimina
  36. Grazie a tutti, e in particolare a Giovanni per la paziente attesa.... finalmente sono riuscita a postare tutti i video.

    Un bacione a tutti.
    Mary

    RispondiElimina
  37. X Mariannasarte
    Grazie per il lavoro che hai fatto per noi
    Quest'ultima parte mi ha fatto meno tristezza di quello che pensavo.Ho visto i ragazzi tranquilli che parlavano del loro papà con serenità.
    Lo porteranno sempre nel loro cuore e sono contenta che riescano a parlarne serenamente nonostante sia appena passato poco più di un anno.Questo è quello che mi hanno trasmesso i ragazzi in questo video.
    Un abbraccio a tutte
    Mary63

    RispondiElimina
  38. Paris assomiglia tanto a Michael, è così dolce, sensibile... è vero, sembrano tutti sereni, anche se immagino non sia facile... una perdita così grande... Dio mio...
    è vero... cosa ci manca: tutto... quando ami qualcuno ti manca tutto... non si può dire altro... Michael continua da lassù a vegliare sui tuoi cuccioli.
    Sei stato un ottimo padre, si vede da come i tuoi figli parlano di te...
    Ti amo cucciolo mio.
    Lin.

    RispondiElimina
  39. Ieri sera, poco prima che iniziasse lo speciale su Michael, avevo visto che Marianna aveva gentilmente tradotto la 4^ parte dell'intervista di Oprah. Poichè non vedevo l'ora di sentire parlare i dolci cuccioli di Michael, finito lo speciale in TV mi sono messa subito a guardare il video, ma essendo poi troppo tardi per postare un commento, lo faccio stasera.
    Che cari e che belli sono Paris, Prince e Blanket. Ci credo che Michael ne andasse così fiero ed orgoglioso! Blanket è un adorabile, piccolo cucciolo, Prince è un timidone (lo si capisce da come si atteggia quando parla) e Paris, anche lei penso che sia molto timida, ma è riuscita a trovare una forza d'animo non comune per vincere lo strazio che provava parlando del suo daddy, per far sapere a tutti che lui "era un papà normale, solo che era il migliore papà del mondo"!
    Dev'essere costata molto, in termini di strazio, ai figli di Michael questa intervista: avete notato sul labbro inferiore di Paris il segno di un herpes? Come certamente tutti saprete la "febbre" viene ai soggetti predisposti allorchè l'organismo è sottoposto ad accessivo stress, fisico o psichico....... Vi immaginate lo stress di questi ragazzi al pensiero di dover buttare del sale su di una ferita ancora aperta, parlando di un padre che adoravano dinnanzi al mondo intero composto sì da migliaia di fans, ma anche da uno stuolo non indifferente di detrattori? Non so cosa darei per poterli stringere fra le braccia per far loro capire quale amore immenso è riuscito ad instillare in noi il loro amato papà!!!
    Michael, veglia sempre su di loro da lassù e fa in modo che la loro vita su questa terra sia più lunga e più serena di quella che hai avuto tu. With L.O.V.E.

    RispondiElimina
  40. Sono ritornata su questo post perchè era troppa la voglia di sentire parlare del caro MICHAEL da persone vicinissime a lui,e chi meglio di una mamma e dei figli può parlare in modo sincero di lui?! SI avete ragione Michael assomiglia molto alla mamma,ed anche con Janet si somiglia molto!Tutta l'intervista mi ha fatto piangere,e sapete ragazze in questi momenti solo una cosa avrei voluto fare,avvolgere la cara mamma KATRINE e i tre meravigliosi figli in un ABBRACCIO caloroso stando in silenzio,ma un silenzio che parla da sè,senza aggiunger altro!scusate non riesco più a scriver... MI chiedo perchè non trasmettono queste cose nella televisione italiana!!!!perche invece di esaltare in modo assurdo quell'immagine di quando MICHAEL si affaccia dal balcone con il bambino,non FANNO VEDERE ORA I FIGLI E DI COME MICHAEL è STATO UN PADRE ECCEZZIONALE!!!!AH CHE RABBIA!!!

    RispondiElimina
  41. queste interviste sono le più belle che io abbia mai visto, vedere come katherine ricorda il figlio mi fa venir da piangere, erano così legati.
    MI ha fatto ridere quando ha raccontato che Michael raccontava delle barzellette, avrei voulto esserci! =) lei lo descrive proprio come me lo sono semore immaginata: spensierato e con un sorriso stampato sulla faccia!!
    quando hanno intervistato il padre mi schizzavano i nervi dappertutto!!
    deve solo stare zitto!!

    Prince Paris e Blanket sono cresciuti tantissimo da quando li ho visto al funerale.
    avrei voluto assaggiare i french toast di michael! dovevano essere buonissimi!!
    grazie giovanni per aver messo questi filmati!! ora so qualche cosa in più sulla sua famiglia
    (so anche che hanno un cane)!!
    grazie

    michael ci manchi <3

    RispondiElimina
  42. Michael Jackson.. Un nome, una leggenda.
    Michael, sei per tutti noi fonte di ispirazione, ed è incredibile come tu riesca a sorprendrci ogni giorno essendo (solo) te stesso!
    Ci hai insegnato che non esiste il diverso, esiste solo l'uomo con le sue caratteristiche! E questa è una "teoria" che tutti dovrebbero adottare, Soprattutto in questo periodo in cui il razzismo pare sia di casa. Comunque grazie. Grazie di tutto.. Senza di te il mondo non so dove sarebbe andato a finire ora.

    Comunque sono rimasta impressionata dalle parole del padre di Mike: per lui "picchiare" e "frustare" è diverso?! Come se cambiasse qualcosa! HA CONDANNATO IL FIGLIO AD UNA VITA DI TERRORE, e per lui è normale!!?? Picchiare è sbagliato, picchiare i bambini è peggio! Io credo che se io fossi in lui non mi farei neanche vedere in giro.
    Cambiando argomento... Che bella che è Paris! Ha due occhi impressionanti! Hanno la stessa luce di quelli di Michael! Beh... D'altronde.. Da un'uomo bello non possono che nascere figli belli!
    Per oggi mi sono sfogata. Ciaoo<3

    RispondiElimina

Sono ammesse critiche sia al sito che al personaggio, a patto che non siano offensive. In caso contrario, qualsiasi commento ritenuto non idoneo sara' eliminato senza essere pubblicato.

N.B: i commenti vengono pubblicati SOLO dopo essere stati prima approvati dall'amministratore.